Sassari, tolleranza zero per chi chatta al volante

Tempi duri per i cacciatori di Pokemon o i fanatici dei social: i vigili urbani in moto si affiancheranno agli automobilisti che utilizzano lo smartphone e li multeranno in flagrante

SASSARI. Tempi duri per i cacciatori di Pokemon. Soprattutto per quelli che non smettono di inseguire i maledetti mostriciattoli nemmeno quando sono al volante. La polizia municipale sguinzaglierà a sua volta dei neutralizzatori di Pokemon go, che si affiancheranno in moto ai fanatici dello smartphone e a suon di taccuino gli faranno passare ogni fantasia. Insomma, la novità di questa estate 2016 sarà la tolleranza zero verso chi telefona, chatta, consulta Fb, o gioca con un telefonino in mano. Multe da 161 a 646 euro, 5 punti decurtati, e se uno viene beccato due volte nell’arco di due anni a commettere la stessa infrazione, si ritrova con la patente sospesa da uno a tre mesi.

«Nell’ultimo periodo l’utilizzo degli smarthone durante la guida – dice il comandante della polizia locale Gianni Serra – è diventato una delle principali cause dei sinistri. Prima il telefono veniva usato per le conversazioni vocali, ora per messaggiare su Whatsapp o Facebook. Ed è una condotta ancora più rischiosa, ma gli automobilisti ancora non ne hanno consapevolezza. Cercheremo di reprimere questo comportamento attraverso l'azione degli agenti assegnati al reparto motociclisti a cui sarà affidato il compito di contestare le infrazioni fermando gli automobilisti colti in flagranza».

Per meglio comprendere i rischi legati all'utilizzo di smartphone durante la conduzione dei veicoli, si pensi che questa condotta crea un ritardo - spesso determinante - nella percezione di una situazione di pericolo improvvisa, e nei tempi di reazione rispetto all'ostacolo. Un veicolo che viaggia a 50 chilometri all'ora percorre in 1 secondo 13,8 metri, e il tempo di reazione medio di una persona in condizioni psico-fisiche adeguate è di circa 7 decimi di secondo. Quindi dalla percezione di un ostacolo fino al momento in cui il piede inizia l'azione frenante facendo leva sul pedale del freno vengono percorsi circa 10 metri; inoltre, da quando viene premuto il pedale del freno trascorrono altri decimi di secondo prima che l'auto inizi l'azione frenante, e il veicolo che circola a 50 chilometri orari percorre altri 5 metri.

Pertanto, alla velocità di 50 chilometri orari lo spazio di arresto, ovvero la somma dei metri percorsi da un veicolo durante il tempo di reazione e lo spazio di frenata, in condizioni psico-fisiche, climatiche, e di manutenzione delle strade ottimali è di circa 25 metri. Perciò la distrazione commessa dal conducente che legge, o che scrive un messaggio al cellulare, con lo sguardo rivolto al telefono, o che chatta, allunga irrimediabilmente la distanza. La conseguenza è un numero davvero alto di collisioni tra veicoli, o tra veicoli e pedoni, talvolta anche di gravi conseguenze. Ecco il motivo di questo importante giro di vite su questo tipo di infrazioni.

Naturalmente le attività della polizia municipale si concentrerà a 360 gradi sulla sicurezza stradale. Nei mesi estivi, e soprattutto ad agosto, il numero degli incidenti stradali sale vertiginosamente. Di venerdì e nel fine settimana si conta il maggior numero di vittime. Gli incidenti più gravi si consumano la notte, specie tra il sabato e la domenica: la fascia oraria

22 - 6 è quella a più elevato rischio di incidentalità. Per questo motivo, durante il mese di agosto, la campagna di sicurezza stradale dei vigili urbani sarà intensificata. Verranno rafforzati i controlli nelle strade sia urbane sia extraurbane, con autovelox, drugs tester ed etilometro.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community