Chiaramonti, bimbi registi per salvare la necropoli

Gli studenti della quarta elementare hanno realizzato un video nel sito di Murrone Il lavoro è stato premiato con la medaglia d’argento dal ministero dell’Istruzione

CHIARAMONTI. Medaglia d’argento per aver adottato, studiato e raccontato in un video la meraviglia e i bisogni di tutela delle Domus de Janas che compongono la necropoli di Murrone nell’agro di Chiaramonti. La classe quarta della scuola Primaria di Chiaramonti, facente capo all’Istituto comprensivo di Perfugas, è una delle dieci scuole primarie in tutta Italia ad essersi meritata il secondo premio, la medaglia d’argento appunto, per aver partecipato con il proprio lavoro al concorso “Le scuole adottano i monumenti della nostra Italia”, bandito dalla Fondazione Napoli Novantanove in collaborazione con il ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Solo due le scuole premiate in Sardegna, la primaria di Chiaramonti e la scuola secondaria di I grado di Pula. Un riconoscimento che rende merito all’impegno e all’entusiasmo profusi ma che giustamente inorgoglisce tutti gli attori che hanno partecipato al progetto, considerato che delle 688 scuole di 342 comuni italiani partecipanti al concorso quelle premiate con medaglia d’oro o d’argento, tra scuole dell’Infanzia, Primarie e Secondarie di I e II grado, sono 74. E tra queste c’è la classe che al momento della partecipazione al concorso frequentava la terza primaria. I bambini dovevano scegliere un monumento del proprio territorio da studiare e valorizzare. Saperlo raccontare in un video rievocandone in pochi minuti la storia e suggerendo soluzioni per evitarne il degrado. Appropriarsene in un certo senso per diventarne responsabili della sua tutela e salvaguardia così come suggeriscono le motivazioni del concorso. Hanno scelto di adottare le Domus de Janas che compongono la necropoli di Murrone, una delle più vaste e significative dell’Anglona, che si trova nell’agro di Chiaramonti allo svincolo per Su Bullone lungo la Sassari-Tempio.

Sono riusciti nell’obiettivo grazie a un grande lavoro di collaborazione coordinati dalle insegnanti Maria Castia e Sonia Cossa e andando alla scoperta di quel tesoro con le visite al sito archeologico, guidati da Nadia Canu della Soprintendenza archeologica, e al museo archeologico e paleobotanico di Perfugas, che custodisce diversi reperti rinvenuti nella necropoli, sotto la guida dell’archeologa Vittoria Pilo e delle altre operatrici della società di servizi culturali Sa Rundine che gestisce il Map. Riscontrata la mancanza di segnaletica che indirizzi alla necropoli, i bambini hanno anche realizzato due pannelli informativi con un breve testo descrittivo del sito, una mappa che indichi il percorso per raggiungere le Domus dal centro abitato di Chiaramonti e alcune frecce da inserire nelle zone vicine agli svincoli

principali. Il tutto con il patrocinio del Comune di Chiaramonti. Il lavoro era stato presentato ai giardini pubblici il 31 marzo, pochi giorni prima dell’invio alla sede del concorso del video il cui montaggio è stato curato da Giampaolo Buiaroni di Kidotek e la musica da Luca Panciroli.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community