Premiato il video della scuola primaria

Chiaramonti, medaglia d’argento per gli alunni nel concorso “Le scuole adottano i monumenti”

CHIARAMONTI. Prima il lavoro a scuola e le visite guidate al Map di Perfugas e alle Domus de Janas di Murrone che hanno deciso di adottare. Poi la realizzazione del video seguita dalla gioia alla notizia di essersi meritati il secondo posto e aver ottenuto la medaglia d’argento, assieme ad altre nove scuole di tutta Italia, per aver partecipato nell’anno scolastico 2015/2016 al concorso “Le scuole adottano i monumenti della nostra Italia”, bandito dalla Fondazione Napoli Novantanove in collaborazione con il ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Finalmente, martedì mattina, per gli alunni della quarta della scuola Primaria di Chiaramonti, che al momento della partecipazione al concorso frequentavano la terza, è arrivato il momento di ricevere l’attestato inviato per loro dalla segreteria del concorso con l’invito ufficiale a proseguire con un lavoro sullo stesso monumento in vista della prossima edizione. Negli stessi giorni in cui il settimo Atlante dell’infanzia realizzato da “Save the children” parla di formazione scolastica carente e scarsi stimoli culturali per i bambini dell’isola, da un paese della Provincia come Chiaramonti arriva la notizia di una buona scuola, che mira a formare alunni preparati ma anche cittadini consapevoli del proprio patrimonio e responsabili nei confronti di esso. Un risultato eccellente, quindi, come è stato riconosciuto dalla nuova direttrice della Soprintendenza per l’archeologia, belle arti e paesaggio delle province di Sassari e Nuoro Maura Picciau che, dopo la proiezione del video premiato, ha consegnato gli attestati ai bambini nella sala consiliare del Comune. «Una grande gioia per chi come me si occupa di preservare monumenti. Avete fatto a Chiaramonti un regalo bellissimo. Avete vinto un premio come gruppo, raccontando agli altri la magia di uno dei vostri monumenti più belli e l’importanza di preservarlo dai danni». Orgoglio per il riconoscimento è stato espresso anche dalle archeologhe Vittoria Pilo, della società Sa Rundine che gestisce il museo di Perfugas, e Nadia Canu della Soprintendenza, che hanno guidato i bambini alla scoperta del sito; dal sindaco Marco Pischedda che ha donato una targa ricordo, dal dirigente dell’istituto comprensivo di Perfugas Giovanni Carmelo Marras e dalla maestra Maria Castia che ha diretto il progetto. Presente anche il fotografo Nicola Castangia, autore delle foto

riportate sui pannelli ideati dai bambini per illustrare il sito. Non potevano mancare i genitori a condividere gioia ed emozione coi loro figli e tutti gli alunni delle altre classi della Primaria di Chiaramonti per un’occasione di festa e di crescita per tutta la scuola.

Letizia Villa

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller