A Chiaramonti i mille colori della sfilata

I carri allegorici costruiti con impegno dai vari gruppi hanno invaso il centro tra migliaia di spettatori

CHIARAMONTI. C’erano i colorati e scherzosi giullari, i protagonisti del mondo fatato e magico di Aladino, la ciurma di capitan Uncino ma anche figuranti in abito talare, le ragazze con la passione per il pallone e tanti altri gruppi in maschera, dai cavernicoli alle lavatrici (di un po’ di pulizia c’è sempre bisogno). Un corteo variegato e colorato guidato dal carro di re Giorgio con le tasche piene di banconote, ma che ormai ha le ore contate, nel quale non poteva passare inosservato un Trump «tramposu» con seguito di peones e frontalieri messicani che il neopresidente degli Stati Uniti vorrebbe relegare dietro un muro.

Dopo le feste in maschera per le scuole, tra cui quella organizzata dalla Msp Italia al centro polivalente, il ballo di giovedì grasso firmato dal comitato dei Fedales del 1977 e l’allegra pentolaccia organizzata dalla parrocchia di San Matteo, il Carnevale chiaramontese domenica ha invaso le vie principali del paese con la prima delle due sfilate di carri allegorici in programma per questa edizione. Complice la bella giornata di sole, centinaia di figuranti si sono dati appuntamento nel rione La Croce per dare vita al corteo di divertimento e una delle più partecipate e riuscite sfilate delle ultime edizioni, una adesione che ha reso giustizia al lavoro dei gruppi che hanno allestito i carri in collaborazione con il nuovo direttivo Pro loco che, registrando il consueto apprezzamento e pienone di ospiti, aveva dato il via alla sua attività con la grande e succulenta favata dell’altra domenica.

Il lungo corteo di bambini e adulti ha percorso il viale principale del paese fino a tarda sera, raggiungendo a suon di musica e senza fretta San Giovanni per fermarsi in piazza Repubblica. Qui ad attendere figuranti e visitatori già un po’ infreddoliti la grande tavolata imbandita dalla Pro loco con fave, polenta fumante e frittelle. Un gradito momento conviviale che come da tradizione chiaramontese suggella il divertimento. Confidando nella stessa benevolenza del tempo e partecipazione, si replica questo pomeriggio, giornata di martedì grasso, sempre con ritrovo alle ore 15,30 nel rione La Croce e partenza di carri e figuranti alle 16. Dopo la sfilata a suon di musica e le leccornie offerte dalla Pro loco, come da tradizione Re Giorgio, tornato al Carnevale chiaramontese

dopo qualche anno di assenza, verrà messo di fronte alle sue responsabilità e sottoposto a processo in piazza. Sarà ancora l’occasione per mettere in mostra costumi costruiti con divertimento ma anche con tanto impegno e per rendere Carnevale un evento indimenticabile.

Letizia Villa

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller