Picnic sotto le mura a Castelsardo con marching band e gruppi rock

Nel borgo dei Doria una giornata dedicata alla cultura nei parchi a picco sul mare e tra gli antichi vicoli Dal pomeriggio un reading dedicato a Sergio Atzeni, il ritmo dei Mildred e le sonorità di Koury Ndiaye

CASTELSARDO. Appena conclusi gli antichissimi riti religiosi della Settimana Santa castellanese, arriva, per il sedicesimo anno consecutivo, la Pasquetta in Musica a Castelsardo. Anche questa edizione sarà caratterizzata da diversi spettacoli musicali diffusi per l’intera giornata nelle piazzette del borgo, con incursioni anche nel parco di Lu Grannaddu, posto fra il mare e la cinta muraria fortificata, sormontata dalla Cattedrale, e nelle nuove piazze del centro. Oltre alla musica ci sarà anche spazio per l’arte figurativa e per le esposizioni di artigianato artistico. Via Marconi diventerà “La via degli artisti”, con una selezione di artisti dell’associazione Respir’arte, (Ettore Spada, Lidia Tangianu, SaraRiver, Maria Sulas, Danila Pittau) mentre nella parte iniziale di via Nazionale troveranno spazio gli stand degli artigiani dell’associazione Art.in.Pia.

La Mogoro Marching Band sarà la colonna sonora della Pasquetta 2017, con esibizioni itineranti che partiranno dalla mattina dalla Nuova Piazza e da Piazza Pianedda per addentrarsi nei carruggi del borgo fino al Castello e alla Piazza della Misericordia per poi scendere nel pomeriggio verso la zona della Cattedrale e del parco Lu Grannaddu. Nel pomeriggio nella Rocca dei Doria, nelle diverse piazzette, protagonisti saranno tre gruppi assai diversi. Alle 16 si esibiranno i S’ard, Terre di nessuno, che presenteranno un progetto legato al recupero e alla valorizzazione del patrimonio culturale della Sardegna e alle sue interrelazioni con l’area mediterranea, celtica e irlandese, dedicato allo scrittore Sergio Atzeni, a vent’anni dalla sua scomparsa. Alle 17, nella piazza Bastione sarà la volta dei Mildred, una band rock alternative nata nel 2015 dalla voglia di cambiamento, dalla necessità di trasformare in accordi distorti e ritmi incalzanti sensazioni che altrimenti non si saprebbe come esprimere. Un’ora più tardi nella raccolta location della Plataforma della Misericordia, sarà la volta di Koury Ndiaye quintet. Musicista-cantante senegalese, ha inciso suo primo disco nel lontano 1981 con il grande produttore parigino Ibrahima Sorry Sylla e ha suonato, negli anni, con tanti musicisti di alto livello, quali Ismael Lo, Cheikh Ndiguel Lo, Tony Esposito e Tullio De Piscopo.

Alla ricerca degli eventi di spettacolo i visitatori saranno spinti ad addentrarsi nelle viuzze del centro storico, dove potranno apprezzare scorci panoramici, monumenti, opere d’arte, ristorazione diffusa e potranno fare passeggiate e pic-nic nei

parchi urbani di Manganella e Lu Grannaddu, collegati dal percorso del ponte levatoio.

E c’è anche la classica visita al castello dei Doria con i suoi camminamenti panoramici dai quali, nelle giornata terse, lo sguardo può spaziare dalla baia di Castelsardo fino al profilo della Corsica.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SCRIVERE: NARRATIVA, POESIA, SAGGI

Come trasformare un libro in un capolavoro