Porto Torres, il Pd rialza la testa e sceglie un giovane: Luiu eletto segretario 

«Alternativa seria a chi amministra attualmente la città» Siamo in grave difficoltà: senza lavoro non c’è dignità

PORTO TORRES. «Abbiamo deciso di chiamare la mozione che sostiene la mia candidatura a segretario cittadino “Una nuova primavera democratica” perché crediamo che da oggi parta una nuova fase di rinnovamento e gestione politica del partito in città: verrà presentata alla città una nuova classe dirigente, giovane, preparata, energica e appassionata, dove il merito verrà premiato». Così il nuovo segretario cittadino del Partito democratico Gian Mirko Luiu, portotorrese di 30 anni, laureando in Giurisprudenza e già segretario della sinistra giovanile e dei giovani democratici. Nel dicembre 2016 è stato eletto nell’assemblea nazionale del Pd come uno dei membri più giovani d'Italia e da ieri è il nuovo segretario Pd che unisce tutte le correnti e con tanta voglia di mettersi al lavoro per contribuire a ridare idee concrete e speranze di rinascita ad una città sull’orlo della crisi economica più devastante degli ultimi cinquanta anni. Nella sala conferenze del Museo del Porto ieri erano presenti anche i partiti della coalizione di centrosinistra per portare i saluti al neo segretario e gran parte dello stato maggiore provinciale del Pd con il segretario provinciale Gianpiero Cordedda, l’ex sindaco Luciano Mura, il segretario uscente Pinuccio Vacca, i consiglieri regionali Gavino Manca e Luigi Lotto e il senatore Silvio Lai. Dal congresso esce un partito unito, coeso e funzionale, secondo Luiu, con un direttivo di 33 uomini e donne capaci che credono in questo nuovo corso politico. La nuova segreteria del Pd sarà invece ristretta, in prevalenza composta da donne convinte nell'impegno e da giovani, e l'età media sarà inferiore ai quarant'anni.

«Noi vogliamo costruire un’alternativa all’attuale amministrazione comunale attraverso un’offerta politica molto più seria e rivolta allo sviluppo della città – ha detto il neo segretario –, grazie alle grandi potenzialità che potrà garantirci l’isola dell'Asinara, la green economy, la pesca e il commercio, la sicurezza pubblica e l'integrazione sociale, l'istruzione, l'ambiente ma soprattutto il lavoro. Senza lavoro non c'è dignità – prosegue – e senza dignità non c'è vita: oggi la nostra città soffre di questo drammatico problema, dove la disoccupazione e l’insicurezza sopratutto dei più giovani si manifesta come una terribile piaga cui noi del Pd dobbiamo assolutamente mettere soluzione». Un passaggio di Luiu anche sul rispetto dei protocolli che riguardano chimica verde e bonifiche e su
bonifiche e manutenzioni dei gruppi di Fiume Santo. Anche il senatore dem Silvio Lai ha salutato positivamente il cambio generazionale: «Un gruppo dirigente giovane che avrà il compito di guidare l’opposizione amministrativa e guardare lontano ad una prospettiva innovativa per la città».

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SPEDIZIONI FREE

Stampare un libro, ecco come risparmiare