Sorso: lo sposo la lascia all’altare, la sposa porta tutti al ristorante

Nozze annullate: militare non si presenta in chiesa e si chiude in caserma. Dopo lo sconcerto, lei e gli invitati non hanno rinunciato al banchetto nuziale

SORSO. Ci sono tanti modi per far naufragare un matrimonio. Soltanto uno per archiviarlo prima ancora di arrivare sull’altare. Lo ha provato sulla propria pelle una promessa sposa 39enne di Sorso che ieri mattina ha atteso invano l’arrivo in chiesa del suo fidanzato. Il giovane, un 24enne che milita nell’esercito, è sparito nel nulla il giorno delle nozze.

Qualche giorno fa i due promessi sposi avevano ricevuto amici e parenti nella consueta consegna dei regali nuziali. Tutto sembrava filare per il verso giusto. Fino a ieri mattina, quando il peggiore incubo di ogni persona che convola a nozze è diventato realtà. Allo scoccare delle 11 la chiesa era gremita di persone. C’erano tutti, tranne lo sposo. Dopo lunghi minuti di attesa, a un certo punto il parroco ha fiutato la situazione e ha dato il “rompete le righe”. Un colpo al cuore per la sposa, che è quindi ritornata a casa insieme a parenti e amici. Con loro anche il prete, che ha seguito il corteo ed è corso a consolare la donna.

Nel frattempo, alcuni ritardatari si sono ritrovati nella chiesa deserta. Si son guardati intorno pensando di essere arrivati con troppo anticipo. E dopo qualche decina di minuti di attesa hanno iniziato a pensare di aver sbagliato chiesa. In realtà non sapevano che le nozze fossero saltate già da un pezzo. Gli invitati increduli erano assiepati sotto casa della donna.

A un certo punto hanno iniziato a pensare che al giovane fosse capitato qualcosa di brutto lungo la strada per Sorso. E così qualcuno ha lanciato l’allarme ai carabinieri. I militari di Sorso, guidati dal comandante Alessandro Masala, sono arrivati nell’abitazione dei promessi sposi e hanno fatto scattare le prime verifiche. Ospedali, guardie mediche, pronto soccorso o teatri di possibili incidenti stradali: del giovane neanche l’ombra. Secondo alcune indiscrezioni, lo sposino si sarebbe rifugiato nella caserma algherese dove è assegnato, forse l’unico luogo che l’avrebbe potuto tenere al riparo dalle ire della sposa ferita e dei parenti.

Dopo aver incassato il duro colpo, condito da un misto di sconforto e collera, sono venuti fuori il coraggio e l’umiltà di una famiglia per bene, molto conosciuta e rispettata in città, che ha scelto di fare buon viso a cattivo gioco. Hanno radunato gli invitati e deciso di non rinunciare al banchetto nuziale. E così, la promessa sposa e la sua famiglia, insieme a una cinquantina di invitati, hanno fatto rotta verso il ristorante nell’agro di Sorso nel quale avevano

prenotato il pranzo. L’annullamento delle nozze non è passato inosservato in città. La notizia si è diffusa rapidamente e molti sorsensi hanno espresso grande rammarico per la vicenda e augurato alla donna di superare il brutto momento.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista