Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Scadono il 30 le domande per la Protezione civile

BONORVA. È stata prorogata al 30 ottobre la scadenza dell’avviso di reclutamento per i volontari del Gruppo di Protezione civile intercomunale. A renderlo noto è il presidente dell’Unione dei Comuni...

BONORVA. È stata prorogata al 30 ottobre la scadenza dell’avviso di reclutamento per i volontari del Gruppo di Protezione civile intercomunale. A renderlo noto è il presidente dell’Unione dei Comuni del Meilogu. Alla presentazione delle candidature per il reclutamento dei volontari per la costituzione del Gruppo intercomunale possono aderire i cittadini che abbiano compiuto i 18 anni e che siano residenti ne paesi che fanno parte dell’Unione: Banari, Bessude, Bonnanaro, Bonorva, Borutta, Cheremule, Cossoine, Giave, Pozzomaggiore, Semestene, Siligo, Thiesi e Torralba.

Pertanto tutti coloro che intendono entrare a far parte del gruppo possono presentare domanda di ammissione alla selezione all’all’Ufficio protocollo, via Berlinguer senza numero a Bonorva. I moduli potranno essere ritirati presso gli Uffici dell’ente o scaricati dal sito www.unionemeilogu.it.

«Gli interessati – spiegano all’Unione dei Comuni – dovranno essere ispirati dai principi della solidarietà umana e opereranno nell’ambito della Protezione civile, di previsione, prevenzione e soccorso in occasione di calamità naturali, catastrofi o altri eventi similari, nonché di formazione ed informazione nella stessa materia Il tutto senza fini di lucro o di vantaggi personali».

Oltre all’età, i requisiti richiesti sono la cittadinanza nell’Unione Europea, l’assenza di condanne o pendenze penali per reati dolosi, il godimento dei diritti civili, non appartenenza ad altre associazioni e gruppi di Protezione Civili ed essere fisicamente idonei allo svolgimento delle attività, esterne ed interne, sopra richiamate, condizione questa certificabile da medico di base o dagli organi del Servizio sanitario Nazionale.