Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Venerdì le celebrazioni in memoria dei Caduti di Sutri

PLOAGHE. Anche quest’anno il Comune di Ploaghe renderà omaggio ai caduti di Sutri. In occasione del 74° anniversario dell’eccidio avvenuto nel piccolo Comune del viterbese, in cui persero la vita...

PLOAGHE. Anche quest’anno il Comune di Ploaghe renderà omaggio ai caduti di Sutri. In occasione del 74° anniversario dell’eccidio avvenuto nel piccolo Comune del viterbese, in cui persero la vita numerosi giovani ploaghesi, l’amministrazione comunale ha promosso una manifestazione che si terrà venerdì 17 novembre. Il programma prevede il ritrovo alle 10 nella piazza del Convento da cui alle 10,15 partirà il corteo, alla presenza di una rappresentanza dell’Aeronautica militare, preceduto dalla banda musicale di Ploaghe che si recherà fino al cippo che ricorda i Caduti di Sutri dove verrà deposta una corona d’alloro e dove un rappresentante dell’Anc darà lettura dei nomi dei giovani caduti a Sutri. Alle 11,15 nel salone dell’ex convento dei Cappuccini ci saranno i saluti del sindaco Carlo Sotgiu e del delegato alla Cultura Giovanni Salis seguiti dall’intervento del responsabile della Biblioteca Gramsciana di Ales Giuseppe Manias e della direttrice dell’Archivio di Stato di Sassari Federica Puglisi. L’iniziativa si terrà durante la mattinata per garantire il coinvolgimento dell’Istituto comprensivo “Satta Fais” di Ploaghe e di alcune classi medie dell’Istituto comprensivo “Pasquale Tola” di Sassari. Nell’eccidio di Sutri, il 17 novembre 1943, diciotto giovani avieri sardi furono catturati da reparti di SS tedeschi, nei pressi di Capranica, in provincia di Viterbo. Erano soldati che dopo l’armistizio dell’8 settembre non sapevano dove andare e a quali ordini rispondere. I militari furono portati in località Montefosco, Comune di Sutri e qui vennero prima mitragliati alle spalle e poi finiti con un colpo alla nuca. Tra i 18 giovani soldati si salvò solo Fernando Zuddas che successivamente raccontò i tragici fatti. Quattro erano i giovani ploaghesi che persero la vita: Nino Mè, Giovanni Mezzettieri, Salvatorico Cossiga e Giovanni Battista Mulas.

Mauro Tedde