Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Alla Forestale la vecchia casa dello studente

Bonorva, la struttura di via Giovanni XXIII sarà restaurata con un finanziamento di 50mila euro

BONORVA. Da qualche giorno un’impresa locale è impegnata nei lavori di sistemazione e completamento di una struttura comunale posta all’interno del complesso dell’ex casa dello studente in Via Giovanni XXIII. L’amministrazione comunale guidata da Massimo D’Agostino, con un investimento di circa 50mila euro, ha deciso di provvedere al recupero completo della struttura, alle opere di risanamento igienico, all’adeguamento degli spazi e delle opere tecnologicamente e operativamente necessarie, al fine di concedere la parte del corpo immobiliare ristrutturato in locazione alla stazione del comando forestale e di vigilanza ambientale che, a breve, dovrebbe trasferirvi i nuovi uffici, attualmente situati in Via Aldo Moro, e che ha competenza sui territori di Bonorva, Cossoine, Giave, Mara, Padria, Pozzomaggiore e Semestene. È diretta dal comandante di stazione, Franco Corrai, e da diversi ispettori agenti e assistenti che hanno come obiettivo principale la tutela tecnica, di polizia del controllo dell’ambiente, dei boschi, della flora e della fauna. Con il recupero totale al patrimonio comunale del compendio di Mariani il loro compito è sicuramente notevolmente ampliato. Prestano la propria opera anche per la prevenzione e repressione degli abusi paesaggistici, la tutela del vasto patrimonio archeologico e culturale, di cui il territorio è ricchissimo e la lotta alle discariche abusive che, purtroppo, nonostante le varie ordinanze comunali ed i relativi controlli, continuano ad interessare alcune zone del territorio comunale. Il loro compito è interessante e necessario anche a livello informativo per il servizio di carattere tecnico culturale che offrono ai cittadini impegnati nelle opere di ricupero o manutenzione bosco o silvo culturale e per le varie autorizzazioni e informazioni necessarie per le opere di abbruciamento. (e.m.)