Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Allevatore nel mirino distrutto un casolare

Illorai, una violenta esplosione ha fatto crollare un piccolo rifugio a “Leppere” In base ai primi accertamenti investigativi si tratta di un attentato intimidatorio 

ILLORAI. Un’esplosione violentissima, un boato che ha buttato giù il piccolo casolare di proprietà di un allevatore di Illorai di 64 anni. Le forze dell’ordine intervenute sul posto sono quasi certe che si sia trattato di un attentato, un atto doloso quindi che, oltre a distruggere l’azienda, ha ucciso anche due maiali che si trovavano all’interno.

L’attentato risale alla notte tra sabato e domenica. Una squadra dei vigili del fuoco di Nuoro è intervenuta dopo aver ricevuto una richiesta dai carabinieri della compagnia di Bono. Arrivati sul posto, nella zona di “Leppere” nelle campagne intorno al paese, hanno immediatamente provveduto a mettere in sicurezza la struttura per poter quindi eseguire gli accertamenti necessari a capire che cosa avesse provocato l’esplosione.

Come prima cosa i vigili hanno liberato l’ingresso della struttura agricola, i muri erano completamente sbriciolati, così come la copertura del modesto “appoggio” di campagna. Poi hanno estratto le carcasse dei due maiali.

Nel frattempo i carabinieri della compagnia di Bono e della stazione di Illorai hanno avviato le indagini per individuare i responsabili di quello che a tutti gli effetti sembra essere un attentato.

I militari hanno rintracciato il sessantaquattrenne proprietario del casolare e gli hanno fatto alcune domande. L’obiettivo dei carabinieri è tentare di capire se in passato l’uomo abbia ricevuto minacce o se abbia qualche sospetto.

Il fatto che l’attentato sia avvenuto durante la notte complica sicuramente l’attività investigativa. Perché in quella zona isolata è raro che qualcuno passi in macchina durante la notte. I malviventi hanno quindi potuto agire indisturbati, sicuri di non esser notati.

In ogni caso le indagini vanno avanti così come l’accertamento sui rilievi che servirà a ricostruire con maggiore precisione la dinamica dell’attentato.