Piove dentro la biblioteca, disagi e proteste

Inutili finora le segnalazioni: alle promesse di interventi da parte del Comune non sono seguiti i fatti

PORTO TORRES. Ormai è una storia che si ripete, perché le promesse di porre rimedio al problema sono rimaste tali. Ogni volta che piove, la biblioteca si allaga e si verificano infiltrazioni di acqua in alcune finestre che si affacciano sul corso Vittorio Emanuele e in via Sassari.

Martedì sera c’erano le addette alle pulizie a raccogliere l’acqua che si era accumulata vicino ai computer e alle poltrone utilizzati dagli utenti. Ieri mattina sono invece dovuti intervenire le bibliotecarie per asciugare gli ambienti e la macchina fotocopiatrice, a cui si è aggiunto un utente che doveva usufruire velocemente della stampante per una ricerca. Si tratta delle solite infiltrazioni di acqua piovana segnalate da tanti mesi all’attenzione dell’amministrazione comunale e cosa ancora più incredibile è che le macchie dell’umidità sono visibili proprio nei muri dove sono state sistemate le poltrone e le postazioni da studio riservati al pubblico.

Dopo l’ultima segnalazione di qualche settimana fa, relativa alla pioggia del giorno prima, il personale della biblioteca e i numerosi frequentatori auspicavano che ci sarebbero stati gli interventi di manutenzione per mettere fine a un disservizio che crea purtroppo disagio a chi chiunque si reca nel luogo di cultura. Speranza vana finora, nonostante siamo in pieno periodo invernale e le precipitazioni meteoriche potrebbero ancora creare problemi negli stessi punti critici dell’immobile di proprietà del Comune. Considerando che la biblioteca offre ogni giorno servizi e
iniziative di promozione della lettura e nel periodo natalizio sono previsti anche eventi ludici che coinvolgono bambini e ragazzi. Ci sono pure più ore di apertura al pubblico con le operatrici della cooperativa Comes e un sostegno agli utenti nelle attività informatiche. (g.m.)

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SCRIVERE: NARRATIVA, POESIA, SAGGI

Come trasformare un libro in un capolavoro