SENTENZA DELLA CASSAZIONE 

Inveisce contro la hostess al check-in, condannata

SASSARI. Una donna di 55 anni, Loredana S., originaria di Sassari è stata è stata condannata in Cassazione a tre mesi di reclusione per tentata violenza privata. É la conferma che quando si arriva...

SASSARI. Una donna di 55 anni, Loredana S., originaria di Sassari è stata è stata condannata in Cassazione a tre mesi di reclusione per tentata violenza privata.

É la conferma che quando si arriva tardi in aeroporto e l’imbarco sul volo prenotato è ormai chiuso, anche se l’aereo non è ancora decollato, è inutile inveire e strattonare la hostess al check-in cercando di forzare le procedure e dando in escandescenze per tentare di salire a bordo. Il risultato, infatti, è quello di prendersi una condanna per tentata violenza privata, e rimanere a terra lo stesso, guardati a vista dalla polizia. Lo sottolinea la Cassazione che ha confermato la condanna, con pena sospesa ma senza la concessione delle attenuanti generiche, alla passeggera che era arrivata tardi all’aeroporto di Reggio Calabria per volare fino a Roma. «Alla notizia di non poter partire riferitale dall'addetta Alitalia», scrive la Cassazione, la signora Loredana «si è alterata inveendo all’indirizzo della hostess, buttando a terra tutto ciò che aveva in mano e sbattendo i pugni contro il tavolo». «Successivamente, approfittando del momentaneo allontanamento dell’addetta al check-in», che era andata a parlare con il caposcalo, la ritardataria «oltrepassava il banco del check-in per recuperare la carta di imbarco che era stata cestinata, e, al ritorno della hostess, la strattonava, l’afferrava per le braccia proferendo la seguente espressione “io devo partire punto e basta, a me non me ne frega niente di quello che state facendo, io parto!”». Solo l’intervento della polizia aveva contribuito a “calmare” la donna. Senza successo, l’imputata ha tentato di convincere i giudici sostenendo che la sua non era stata una reazione violenta ma solo uno sbotto di «rabbia» e «frustrazione» e che non voleva costringere la hostess «ad accettarla sul volo». Per la Cassazione, «non vi è dubbio che la condotta aggressiva posta in essere dall’imputata non abbia la connotazione di un mero gesto di frustrazione per la notizia che le era stata data: la reazione istintiva è stata quella di sbattere i pugni sul tavolo e inveire», per poi aggredire la hostess «strattonandola» e dicendole «perentoriamente che lei comunque doveva partire». In
primo grado l’imputata - non nuova a episodi del genere - era stata condannata anche per percosse, ma in assenza di querela, la Corte di Appello di Reggio Calabria, nel luglio 2016, le aveva ridotto la pena a tre mesi per tentata violenza privata. Ora la Cassazione ha chiuso la vicenda.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro