Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

A Cargeghe la marcia dell’Acr

I giovani dell’Azione Cattolica hanno invaso il paese per un giorno

CARGEGHE. “Fai scattare la pace”. È il motto scelto quest’anno dall’Azione Cattolica Ragazzi della diocesi di Sassari come tema per l’annuale giornata di riflessione e animazione sulla pace. Il momento culminante, fra quelli che si sono susseguiti nel corso dell’intera giornata di domenica, è stato quello della tradizionale marcia: un corteo festoso di oltre trecento bambini ha invaso le vie del piccolo centro di 630 abitanti, accompagnati dagli animatori dell’èquipe Acr, da molti genitori e simpatizzanti e scortati dai barracelli dell’Unione dei Comuni del Coros. La manifestazione era iniziata già dal mattino con l’arrivo dei gruppi da nove parrocchie: i gruppi di Cargeghe, Ittiri, Usini e delle parrocchie sassaresi di San Vincenzo, Sacra Famiglia, S. Cuore, S. Giuseppe e Capuccini si sono uniti a quello del paese di Muros, ospitati dall’Amministrazione comunale nei locali della ex scuola media e della palestra. Qui gli animatori dell’Acr e i collaboratori delle parrocchie di Cargeghe e Muros, guidati dal parroco don Felix, hanno organizzato i gruppi che hanno preso parte alle diverse attività: giochi, canti, realizzazione degli striscioni per la marcia, ma anche riflessioni sul tema della giornata, col desiderio di stimolare i più giovani a diventare dei piccoli costruttori di pace nel loro ambiente di vita quotidiano. Al termine della marcia la celebrazione della messa, presieduta dall’assistente diocesano dell’Azione cattolica Ragazzi don Andrea Stara, parroco di Ossi, ha chiuso una giornata di festa e di amicizia, con tanti bambini stanchi, ma felici di aver condiviso per un giorno l'impegno a realizzare un mondo migliore. (p.s.)