Cammini e Percorsi: Ozieri punta sul turismo

Sopralluogo nell’ex polveriera di Listinchedu e nell’ex caserma dei carabinieri Gli immobili inseriti nel piano di valorizzazione voluto dall’Agenzia del demanio

OZIERI. Ci crede davvero l’amministrazione comunale di Ozieri al progetto Cammini e Percorsi e la giornata trascorsa ieri per la presentazione degli immobili oggetto dell’evento e soprattutto le manifestazioni di interesse giunte ai funzionari comunali, hanno dimostrato che la scelta operata è stata quella giusta. La pioggia incessante non ha impedito la buona riuscita dell’appuntamento e la cura con cui Ozieri ha cercato di accogliere gli ospiti, guidarli attraverso i percorsi turistici e culturali, coccolarli con assaggi di specialità tipiche, ribadisce che si ha davvero voglia di intraprendere un cammino volto a far crescere la vocazione turistica della città, forte di peculiarità in tanti casi uniche. Il progetto nazionale, nato per volontà dell’Agenzia del demanio insieme ai ministeri dei Beni culturali e delle infrastrutture e all’Anas, e in collaborazione con la presidenza del Consiglio dei ministri, si pone come obiettivo la valorizzazione e la riqualificazione di siti che abbiano un particolare interesse culturale, storico o ambientale e in Sardegna sono solo otto quelli ammessi nella mappa nazionale e due di questi si trovano ad Ozieri. La giornata di ieri aveva lo scopo di aprire le porte e i cancelli della ex polveriera di Listinchedu e della ex caserma dei carabinieri di via Cavour e soprattutto mostrare agli investitori privati le grandi potenzialità. Alle 9,30 nella casa comunale di via Veneto si sono dati appuntamento rappresentanti regionali e locali e - tra gli altri - l’università di Cagliari, l’assessorato ai Lavori pubblici e quello al Turismo della regione, l’Agenzia del demanio, l’Anci, il Gal Logudoro Goceano, l’Arst e alcune associazioni e agenzie di sviluppo turistico e di comunicazione che hanno ricevuto il saluto dell’assessore al Bilancio e alle attività produttive Anastasia Ladu. Subito dopo il gruppo si è diretto presso l’ex polveriera di Listinchedu, un complesso utilizzato sino agli anni Settanta come deposito di armi chimiche, composto da 16 edifici dall’architettura particolare immersi in due ettari di rigoglioso verde ai piedi del Monte Littu e ai margini della strada provinciale che da Ozieri porta verso Nughedu San Nicolò. La struttura potrà essere data in concessione con un canone che dovrà essere indicato dal potenziale investitore e valorizzata in modo che sia sempre legata al mondo del turismo. Diverso invece il discorso per l’ex caserma dei carabinieri di via Cavour, un imponente complesso posto in pieno centro che invece potrà essere concesso in locazione e che ha suscitato notevole interesse soprattutto per le buone condizioni generali e la dislocazione urbana. La mattinata è trascorsa con la visita al museo delle Clarisse e alle altre bellezze architettoniche e si è conclusa con una conferenza presso la pinacoteca comunale “Altana” durante la quale è stato presentato il progetto. Il turismo cosiddetto “lento” in crescita, l’inserimento dell’Ippovia, il vecchio percorso della tratta ferroviaria del
Tirso, oggi convertita in percorso trekking e bike , il cammino religioso di Santu Jacu e soprattutto le manifestazioni di interesse per i due siti, giunte anche dall’estero aprono ottime prospettive che dovranno essere colte con lungimiranza e soprattutto con la collaborazione di tutti.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro