Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Sciopero Adigest, oggi le parti dal prefetto

CASTELSARDO. Nuovo sciopero in casa Adigest. I lavoratori della ditta che gestisce gli appalti dell’igiene urbana nei Comuni di Castelsardo, Laerru e Bulzi hanno deciso di incrociare le braccia il 19...

CASTELSARDO. Nuovo sciopero in casa Adigest. I lavoratori della ditta che gestisce gli appalti dell’igiene urbana nei Comuni di Castelsardo, Laerru e Bulzi hanno deciso di incrociare le braccia il 19 marzo. Lo sciopero è stato proclamato dalla segreteria regionale del sindacato, guidata da Valerio Zoccheddu, perché i problemi sono sorti anche in altri Comuni dell’isola dove la raccolta dei rifiuti è gestita dalla stessa ditta. Oggi in prefettura a Cagliari si tenterà l’ennesima conciliazione tra le parti. Lo sciopero è stato programmato facendo seguito all’apertura della procedura di raffreddamento dello scorso 28 febbraio. Al centro della protesta dei lavoratori c’è il «cronico ritardo» nel pagamento delle retribuzioni. In alcuni cantieri ci sono dipendenti che non hanno ricevuto lo stipendio del mese di gennaio. La segreteria regionale della Fit Cisl lamenta inoltre la mancata convocazione da parte dell’azienda e giudica questo dettaglio come una «ulteriore dimostrazione della mancata attenzione vero le problematiche evidenziate nell’interesse del personale dipendente. Tale situazione che in alcuni cantieri perdura ormai da alcuni anni – si legge ancora nel comunicato – è aggravata dalla mancanza di corrette relazioni sindacali con i vertici aziendali, i quali, nonostante l’apertura di svariate procedure di raffreddamento, continuano a negare l’evidenza dei fatti, ma senza convocare formalmente la scrivente per porre soluzione alle problematiche evidenziate». Inoltre, la Fit Cisl lamenta problemi con la consegna dei buoni pasto, la situazione dei mezzi, la consegna del vestiario, i dispositivi di protezione individuale (Dpi) e la situazione dei locali spogliatoi. (s.sant.)