Taglio del nastro a “Sa Villa” di Ittiri ristrutturata

Cerimonia per la riapertura della comunità integrata Convenzione tra Comune e Coopas che gestirà la struttura

ITTIRI. Riapre “Sa Villa”. Ultimati i lavori di ristrutturazione e di adeguamento alla normativa, la comunità integrata è stata riaperta ieri con la tradizionale cerimonia del taglio del nastro da parte del sindaco Antonio Sau e Franca Chessa, responsabile della Coopas che gestirà la struttura in regime di convenzione con il Comune. La cerimonia è proseguita con la benedizione impartita da monsignor Mario Simula, ittirese, vicario dell’arcidiocesi di Sassari, e dal parroco di San Francesco don Virgilio Businco. «Conoscendo la professionalità, la formazione e la responsabilità del personale che avrà in consegna gli ospiti – ha detto monsignor Simula – sono certo che chi verrà a vivere a “Sa Villa” troverà un’adeguata assistenza, supportata da affetto e rispetto per la persona». Il vicario dell’arcivescovado sassarese ha proseguito con un attestato di stima verso il sindaco e il consiglio comunale per l’attenzione, gli sforzi e la volontà profusa nella realizzazione di un servizio di primaria importanza per l’assistenza alle persone anziane. «Loro non sono lo scarto della società – ha detto –, sono, anzi, il tesoro che va preservato a cui mai va negata una carezza».

Il sindaco Sau ha mostrato una motivata soddisfazione «per il completamento di un percorso che, oltre ad un considerevole impegno economico, ha richiesto costanza, convinzione e condivisione, con i responsabili della Coopas che, assieme a noi, hanno creduto nel progetto». «Oggi siamo qui – ha concluso il primo cittadino – ad inaugurare un centro di eccellenza che premia non solo l’amministrazione, ma offre, sopratutto, una opportunità a che necessita di assistenza qualificata».

Franca Chessa nel suo intervento ha sottolineato l’importanza della sinergia tra amministrazione comunale e Cooperativa che ha permesso di superare gli ostacoli di un percorso travagliato ma premiante e incoraggiante. «Ci fa piacere – ha detto – registrare richieste di persone che operano nel volontariato che si vogliono rendere disponibili a prestare il loro aiuto per una miglior accoglienza».

“Sa Villa” dispone di 24 posti accessoriati di tutti i comfort. All’interno trovano
posto ampi spazi comuni quali la sala di ristorazione, la sala TV, la cappella e ambienti per l’attività ludico ricreativa. L’edificio è circondato da un ampio giardino. Il complesso dispone di un centro diurno studiato per persone che vivono una situazione di isolamento e solitudine.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro