Spaccio di droga, tre scarcerati

Ozieri, restano a Bancali solo quattro dei sette giovani arrestati dieci giorni fa 

OZIERI. Tutti accusati di aver spacciato droga (anche a minorenni) nel centro storico di Ozieri, qualche giorno fa si erano avvalsi della facoltà di non rispondere durante l’interrogatorio di garanzia davanti al giudice Gian Cosimo Mura che si era riservato sulla richiesta di scarcerazione presentata dagli avvocati difensori Antonella Chirigoni, Marco Manca, Maurizio Serra e Oriana Colomo. Sabato è arrivata la decisione: Paolo Farina, di 21 anni, e Matteo Poddighe, di 24, (assistiti rispettivamente dalla Colomo e da Serra) sono stati scarcerati e per loro è stato disposto il divieto di dimora a Ozieri. Erano i due che al momento degli arresti si trovavano all’estero per lavoro e sono rientrati non appena saputo dell’ordinanza cautelare. All’esito dell’interrogatorio il giudice ha valutato che già da tempo i due erano lontani da Ozieri dove si era verificata l’attività di spaccio e sono tornati immediatamente in Sardegna «per mettersi a disposizione della giustizia – hanno spiegato i legali – Il giudice ha valutato la loro buona fede, l’impossibilità della commissione di reati dello stesso tipo di quelli di cui sono accusati, l’infondatezza del pericolo di fuga, vista la loro costituzione, e ha applicato una misura cautelare meno grave del carcere». Scarcerato
anche Dario Terrosu, di 22 anni – difeso dall’avvocato Chirigoni – che ora si trova ai domiciliari. Mentre restano in carcere il fratello Daniele, di 34, Giuseppe Mazza, di 23, Luca Zazzu, di 30, e Lorenzo Salis, di 21 anni. I difensori faranno richiesta di Riesame. (na.co.)

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro