Copagri chiede al Comune la consulta dell’agricoltura

L’organismo a supporto dell’amministrazione è previsto da una legge regionale La proposta verrà formalizzata negli altri centri del Logudoro e del Goceano

OZIERI. Istituire a Ozieri la consulta dell’Agricoltura, organo consultivo previsto da una legge regionale chiamato a supportare l’amministrazione sulle problematiche del settore agricolo. È la richiesta dell’ufficio di presidenza provinciale dell’associazione di categoria Copagri, che nei giorni scorsi ha inviato una specifica richiesta al Comune sollecitando la creazione del comitato. La consulta o commissione Agricoltura è uno strumento previsto dalla legge regionale 8 del marzo 1988 per lavorare a supporto dell’azione politico-amministrativa del sindaco, della giunta e del consiglio comunale. Un organo che, come prevede la legge istitutiva, è consultivo, con partecipazione non remunerata ed è presieduta dal sindaco o dall’assessore all’Agricoltura o altro delegato. A comporla sono inoltre due consiglieri comunali eletti dal consiglio comunale, di cui uno della minoranza, un rappresentante, per ognuna delle quattro organizzazioni professionali agricole più rappresentative a livello provinciale, designato dalle rispettive organizzazioni Provinciali, infine un esperto, dottore in scienze agrarie o medico veterinario o perito agrario, eletto dal consiglio comunale. La sua funzione è propositiva, consultiva, di studio e di supporto al Comune, attraverso pareri, consulenze e perizie in materia agricola, boschi, foreste, zootecnia, fauna, risorse idriche, difesa del suolo, agroalimentare. Un organo che a Ozieri e nel suo territorio, dove la vocazione agricola è primaria, è di fondamentale importanza, secondo Copagri. «Ritengo che in un territorio come quello di Ozieri, ad alta vocazione agricola e con la presenza di importanti allevamenti, la costituzione della commissione Agricoltura in seno all’amministrazione comunale possa essere di utile supporto al comparto agricolo e a tutte le problematiche che in questo momento lo stesso sta attraversando» dice infatti il vice presidente di Copagri Nord Sardegna Tore Piana. Ecco perché Copagri ha intenzione di presentare analoghe richieste di istituzione della commissione negli altri comuni del Logudoro e del Goceano: una delle priorità del nuovo direttivo del Nord Sardegna presieduto da Paolo Ninniri, che intende ampliare la sua presenza mettendo a disposizione degli agricoltori del territorio i suoi servizi di Caf, patronato, consulenza Ismea, sindacato, gestione fiscale
e del lavoro, consulenza bancaria, consulenza legale e tecnica sul campo agricolo e dei contributi Psr. Dal canto suo Copagri garantisce la sua presenza e disponibilità «per una fattiva collaborazione tendente a superare le numerose problematiche del settore agricolo» dice Ninniri.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Stampare un libro risparmiando: ecco come fare