Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Strade in Anglona, fondi bloccati

Il consigliere Unali chiede alla Regione che la Provincia possa eseguire i lavori

CHIARAMONTI. Il consigliere regionale Alessandro Unali stende una mappa delle condizioni disastrose della viabilità in Anglona e presenta in Consiglio un’interrogazione rivolta a Francesco Pigliaru e a Edoardo Balzarini, assessore regionale ai Lavori pubblici, chiedendo un intervento risolutivo che possa permettere ai responsabili della Provincia di Sassari di sbloccare e, successivamente, utilizzare i fondi che le Regione ha stanziato nel 2017 per le strade provinciali. Secondo il consigliere si tratta di risorse non spese per oltre 10 milioni di euro.

Le arterie provinciali che in Anglona sono tante: c’è la n. 68 Ploaghe - Chiaramonti; la n. 92 Perfugas - Santa Maria Coghinas; la n. 2 Perfugas - Erula - Sa Mela - Tula ss 597; la n. 168 Martis - Su Padru de giosso; n. 15 Santa Vittoria – Tergu - San Giuseppe; la n. 17 Tergu – Nulvi e la n. 13/M Panoramica di Castelsardo. «Sono abbandonate e rappresentano il livello di attenzione verso percorsi fondamentali per la mobilità locale, il commercio e per l’ingresso dei flussi turistici dalla costa verso le comunità dell’interno – afferma Unali –. Quella nelle condizioni peggiori è la provinciale Perfugas - Santa Maria Coghinas dove ogni gorno è in grave pericolo l’incolumità degli automobilisti, la segnaletica orizzontale e verticale è lacunosa e insufficiente, nel manto stradale numerose buche e asfalto ormai totalmente degradato». «L’unico soggetto in campo che può sbloccare la situazione di stallo è la Provincia attraverso il suo commissario, Guido Sechi, che si è distinto per il suo operato e per aver chiuso l’iter della Nulvi - Sassari – conclude il consigliere –. Chiedo che venga messo in condizioni di operare con la riduzione dei tempi burocratici che stanno paralizzando i lavori in Anglona».

Letizia Villa