Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

La squadra di calcio si schiera con il Centro Umanitario

SANTA MARIA COGHINAS. La parola d’ordine è “sinergia”. Il Centro Umanitario Coghinas, che ha avuto il suo primo input organizzativo da parte della parrocchia, è riuscito in poco tempo a catalizzare...

SANTA MARIA COGHINAS. La parola d’ordine è “sinergia”. Il Centro Umanitario Coghinas, che ha avuto il suo primo input organizzativo da parte della parrocchia, è riuscito in poco tempo a catalizzare la partecipazione di un gran numero di volontari. Inizialmente sono state le volontarie della Caritas parrocchiale, quindi tanti altri giovani volontari, che si sono riconosciuti nello spirito solidaristico del progetto, e ora a dare manforte al Centro c’è anche la squadra di calcio Asd Coghinas. «Le attività svolte dal Centro – come spiega Massimiliano Carbini – sono davvero tante, a partire dall’inclusione sociale degli utenti, praticata cercando di trasmettere il messaggio della reciprocità dell’aiuto, grazie al quale sono stati realizzati tanti lavori come la sistemazione di giardini e locali non usati all’interno della parrocchia». Ma c’è di più. Dal mese di novembre è stato attivato un servizio di trasporto e, grazie a un accordo fatto con altri paesi della bassa valle del Coghinas, verrà probabilmente acquisito un altro mezzo per potenziare il servizio già esistente. Il centro ha rinnovato inoltre la collaborazione con la cooperativa Pergo che gestisce da diversi anni l’Ostello della Gioventù di Lu Bagnu, una struttura destinata ai soggiorni estivi soprattutto per i giovani. Tante attività hanno portato anche a un'attenta ripartizione dei ruoli. E così sono stati formati dei veri e propri gruppi operativi. C’è quello che si occupa dell'acquisizione e distribuzione di alimenti, quello che gestisce il servizio trasporto e quello rivolto alla ricerca di convenzioni. «Tutto questo – dichiara sempre Carbini – non è solo frutto del nostro impegno, ma di un’attenta collaborazione con la squadra di calcio, i cui dirigenti e giocatori periodicamente si tassano per fare donazioni in denaro o in beni di prima necessità». Impegno sociale e agonismo possono ben conciliarsi anche per Fabrizio Pes, presidente dell’Asd Coghinas. «Vogliamo percorrere la stessa strada nel sociale insieme al Centro Umanitario, e lo facciamo con la nostra associazione che sta fortunatamente raggiungendo i suoi obiettivi, malgrado le difficoltà».

Giuseppe Pulina