Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Il centro polivalente intitolato a Vincenzo Migaleddu

MARTIS. Con un solenne cerimonia domani alle 17, il Comune di Martis intitolerà il centro polivalente che sorge in località Sa Tanca ‘e sa Idda a Vincenzo Migaleddu, scomparso lo scorso anno. I suoi...

MARTIS. Con un solenne cerimonia domani alle 17, il Comune di Martis intitolerà il centro polivalente che sorge in località Sa Tanca ‘e sa Idda a Vincenzo Migaleddu, scomparso lo scorso anno. I suoi concittadini vogliono in questo modo ricordare il suo grande impegno verso i temi legati alla difesa dell’ambiente e della salute e improntato alla ricerca e alla proposta di un’economia circolare, rispettosa delle biodiversità e dell’identità della Sardegna. “Il diritto alla salute è quello di vivere sani, non quello di curarsi” sosteneva da sempre Vincenzo Migaleddu che ha combattuto fino all’ultimo la sua battaglia in difesa della salute e contro l’inquinamento ambientale in Sardegna. 65 anni, originario di Martis, per una vita ha messo la sua scienza e la sua professionalità al servizio dell’ambiente e della sua amata isola. Medico radiologo, Migaleddu da anni era presidente dell’istituto Isde - Medici per l’Ambiente in Sardegna ed erano ben note le sue posizioni critiche nei confronti dell’industrializzazione selvaggia e dei gravi danni a salute e territorio causati da stabilimenti petrolchimici e siderurgici o dall’energia derivata da combustibili fossili, come quella prodotta a Ottana. Negli ultimi tempi si era battuto con forza contro i progetti della chimica cosiddetta “verde” e della centrale a biomasse di Macchiareddu, la costruzione di un nuovo inceneritore a Tossilo - Macomer e l’idea di realizzare una centrale termodinamica da 210 ettari a Gonnosfanadiga. Alla cerimonia, introdotta dal sindaco Tiziano Lasia, parteciperanno l’antropologo e scrittore Bachisio Bandinu, lo scrittore Maurizio Pallante, Ruchi Sroff, direttore della Navdanya International, i comitati attivi nella lotta contro la speculazione energetica e a difesa della biodiversità. Modera l’incontro il giornalista Piero Loi.

Mauro Tedde