autonomia idrica 

Cittadini e imprese pagano solo l’acqua che consumano

SILIGO. Tra le cose di cui vanno orgogliosi i silighesi, c’è l’assoluta indipendenza idrica. Non hanno niente a che fare con Abbanoa e non solo dal punto di vista burocratico. Questo grazie ai...

SILIGO. Tra le cose di cui vanno orgogliosi i silighesi, c’è l’assoluta indipendenza idrica. Non hanno niente a che fare con Abbanoa e non solo dal punto di vista burocratico. Questo grazie ai numerosi pozzi e sorgenti racchiusi all’interno del territorio comunale. Non è stato facile, sottolinea il sindaco Mario Sassu, e la Regione che controlla Abbanoa ha provato in tutti i modi a fagocitare anche il sistema idrico comunale di Siligo. Invece, seguendo proprio la normativa nazionale che istituiva le autorità d’ambito, il Comune di Siligo ha dimostrato di avere tutte le carte in regola per non far inglobare dentro Abbanoa sia le fonti, sia il sistema di distribuzione dell’acqua, e neppure quello del trattamento delle acque nere e reflue. Questo significa, sostiene il sindaco, un apparato più agile perché più leggereo, una maggiore facilità di intervento in caso di guasti al sistema di distribuzione interno, e soprattutto il pagamento del reale consumo dei cittadini.

Il
tutto senza anticipi o conguagli, con una letture reale dei consumi che viene effettuate nei tempi stabiliti. La tariffa unitaria? Uguale alle altre, sottolinea il sindaco, ma che vanno a formare una bolletta con la quale il cittadino paga solo “il bene servizio” utilizzato e consumato.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro