Sassari, era il suo stalker: ora sono fidanzati ma lui rischia lo stesso la condanna

La donna, una vigilessa, ha cercato di rimettere la querela ma il reato è perseguibile d'ufficio, il processo in tribunale è andato avanti e il pm ha chiesto due anni di reclusione con la condizionale

SASSARI. In un momento della sua vita lei è persino arrivata a odiarlo quell'uomo con cui aveva avuto una relazione di qualche mese. A tal punto che lo aveva denunciato per atti persecutori dopo che la loro storia era finita. Aveva chiesto aiuto ai carabinieri perché si sentiva continuamente minacciata da lui, che era un suo superiore al lavoro. La querela è andata avanti e l'uomo è stato rinviato a giudizio per atti persecutori. In una vicenda così ingarbugliata e tormentata ci si sarebbe aspettati tutto fuorché un finale di questo tipo: i due oggi si amano e vivono insieme.

E il paradosso sta tutto dentro un'aula di tribunale dove alcuni giorni fa il pubblico ministero Giovanni Porcheddu ha chiesto la condanna a due anni di reclusione (con la sospensione condizionale della pena) nei confronti dell'uomo. Lei ha provato a fare un passo indietro, voleva rimettere la querela ma non le è stato possibile. Il reato di stalking - così come si è configurato in quel

preciso momento della loro relazione - è perseguibile d'ufficio. Ora saranno i giudici a decidere.

Il servizio completo sul giornale in edicola e nella versione digitale

 

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community