Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Controlli sul territorio da parte della polizia

OZIERI. Nei giorni scorsi la polizia di stato ha effettuato una serie di controlli (con posti di blocco e accertamenti di varia natura) in tutto il territorio, con particolare attenzione per il...

OZIERI. Nei giorni scorsi la polizia di stato ha effettuato una serie di controlli (con posti di blocco e accertamenti di varia natura) in tutto il territorio, con particolare attenzione per il Goceano.

Sul posto hanno operato gli uomini del commissariato di Ozieri e del reparto Prevenzione crimine Sardegna di stanza ad Abbasanta. In particolare sono stati passati al setaccio i comuni di Esporlatu, Illorai, Bottidda e Burgos. Nel corso dell’operazione sono state controllate 63 autovetture e identificate 103 persone.

Un’operazione di controllo del territorio voluta dal nuovo questore di Sassari Diego Buso, anche per far fronte alla recrudescenza di reati predatori (furti, piccole rapine, abigeato) che ha interessato il Goceano. Controlli che sono stati estesi alle campagne e non solo per prevenire eventuali azioni criminose nei confronti di chi risiede in zone isolate, ma anche per combattere il fenomeno della coltivazione di sostanze stupefacenti che sta prendendo piede anche in Logudoro e Goceano. Non è raro, infatti, che le forze dell’ordine di imbattano in piantagioni di marijuana, spesso scoperte all’interno di terreni demaniali. Un’attività che vede impegnate sul territorio, oltre alla polizia di stato, tutte le forze dell’ordine.

Inoltre i posti di blocco servono anche da deterrente per chi scambia le strade provinciali per autodromi, mettendo a repentaglio la sicurezza degli altri.