Sconfiggere l'omofobia, si comincia a scuola

Si inizia col teatro della compagnia nuorese I Barbariciridicoli che presenta "Iscaminaut o del figlio improdigo". Poi il dibattito: gli alunni del liceo Spano domani 18 maggio affrontano il tema di un coming out in famiglia

SASSARI. Oggi si celebra la Giornata internazionale contro l'omofobia, e il ministero dell'Istruzione invita le scuole ad iniziative di sensibilizzazione contro i pregiudizi e le conseguenti discriminazioni nei confronti delle persone con orientamento sessuale "non conforme". In questa ottica il liceo Spano celebra la ricorrenza in due giornate, domani e il 19 maggio, coinvolgendo le classi, i genitori e la cittadinanza con uno spettacolo teatrale e il successivo dibattito, presso l'auditorium provinciale di via Monte Grappa.

In Italia l'omofobia sociale risulta ancora tra le prime cause di disagio e sofferenza per ragazze e ragazzi omosessuali, vittime spesso di bullismo omofobico e difficilmente sostenute ed aiutate. Questa sofferenza sfocia spesso nell'abbandono della scuola e nell'allontanamento dalla vita sociale, con conseguenze anche estremamente drammatiche. Non sempre scuola e famiglia sono contesti accoglienti. «Noi pensiamo che la scuola rappresenti un'occasione straordinaria per abbattere le barriere culturali - dice la dirigente scolastica Maria Paola Curreli - educare al rispetto di tutte le differenze, promuovere il benessere personale e riconoscere il diritto alla felicità per ogni essere umano».

La compagnia nuorese I Barbariciridicoli presenterà "Iscaminaut o del figlio improdigo", che racconta una storia di coming out in famiglia, cioè della rivelazione della propria omosessualità ai genitori da parte di un figlio, e sonderà i sentimenti che tale rivelazione mette in atto. La trama, in sintesi, è questa: due "normali" genitori sardi aspettano con ansia il ritorno dell'unico figlio, partito in "continente" per l'università; la gioia familiare per il rientro, lascerà nel finale il posto al dramma che scatena il coming out. Tre repliche si svolgeranno domani 18 maggio e sabato 19 di mattina per le classi, mentre quella per la cittadinanza sarà sempre domani 18 maggio alle ore 21 presso l'Auditorium provinciale in via Monte Grappa 2.

L'ossimoro del titolo (Iscaminaut addensa la fonia di due termini di significato diametralmente opposto, l'inglese coming out e il sardo iscaminau, deviato) riflette completamente lo spirito dell'opera. Interpretano lo spettacolo Federico Careddu, Maddalena Solinas e Roberto Piredda, per la regia di Tino Belloni. Parteciperanno al

dibattito successivo allo spettacolo, "La realtà oltre la finzione", rappresentanti di associazioni che da anni si occupano di promuovere la cultura del rispetto e la prevenzione delle discriminazioni soprattutto nei confronti delle persone LGBT: Agedo, Mos, Nuovi diritti Cgil, Arc Cagliari.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro