Oculistica, ok alla gara per l’ambulatorio

Sarà realizzato anche grazie alla donazione di 25mila euro della famiglia Delogu

SASSARI . L’ambulatorio chirurgico dell’unità operativa complessa di Oculistica dell’Aou si realizzerà con il prezioso contributo dei privati. La gara per l’esecuzione delle opere, che consentiranno di creare ambienti dedicati agli interventi di specialità oculistica quali cataratte e iniezioni intravitreali, è stata aggiudicata nei giorni scorsi. A disposizione ci sono 55mila euro: 30mila su fondi del Servizio edile e impianti dell’Aou e 25mila che arrivano da donazione liberale della famiglia Delogu di Sassari.

L’Aou a ottobre aveva avviato uno studio per l’attivazione di un ambulatorio chirurgico dedicato a cataratte e intravitreali, situato al piano terra della seconda stecca bianca negli spazi dedicati all’Oculistica. Progetto che a marzo di quest’anno l’azienda aveva approvato, dando così il via libero agli uffici per la predisposizione della gara d’appalto, che si è chiusa nei giorni scorsi con l’aggiudicazione alla ditta Iem di Sassari. Adesso si sta concludendo l’iter amministrativo e, una volta aperto il cantiere, l’impresa avrà 45 giorni di tempo per concludere.

Per la famiglia Delogu la donazione rappresenta un gesto importante. Dopo la morte avvenuta tre anni fa del capofamiglia Angelo, conosciuto e stimato ottico in città, i quattro figli, Giovanni, Giuliano, Elisabetta e Stefano, desideravano poter ricordare il padre in modo particolare. «I nostri genitori ci hanno sempre insegnato l’importanza del dare – afferma Giuliano Delogu – per questo motivo abbiamo pensato che si potesse fare qualcosa che andasse a vantaggio della società. Così, per restare nell’ambito in cui nostro padre ha sempre operato e dopo aver parlato anche con il professor Francesco Boscia, ci siamo orientati verso la clinica di Oculistica».

«Un atto di grande generosità e solidarietà», sottolinea il direttore generale Antonio D’Urso. «La realizzazione di questo ambulatorio – sottolinea il direttore di Oculistica, Francesco Boscia – ci consentirà di rendere più celeri le procedure per le cataratte e le iniezioni intravitreali. Queste ultime sono procedure effettuate per patologie i in progressivo
aumento: la retinopatia diabetica e la maculopatia senile. Siamo il quinto centro in Italia per tali prestazioni, con oltre 2000 le iniezioni intravitreali all’anno». Con il nuovo ambulatorio i volumi potranno aumentare, riducendo notevolmente i tempi di attesa dei pazienti.



TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community