Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Cheremule e Bessude tappe dei luoghi di Angioy

Nuovo appuntamento con i percorsi dell’Istituto Bellieni alla scoperta di storia e archeologia

CHEREMULE. Proseguono i percorsi di turismo identitario curati dall’Is.Be, alla scoperta dell’antico Marchesato di Montemaggiore che fu feudo del famigerato duca dell’Asinara. Questa Domenica doppio appuntamento a Bessude e Cheremule per riscoprire luoghi, situazioni e personaggi che hanno caratterizzato il passaggio di Giovanni Maria Angioy durante i moti antifeudali sardi di fine Settecento. Dopo aver toccato diversi centri a partire da Bono (paese natale dell’Alternos), l’iniziativa “In sos logos de Angioy” dell’Istituto Camillo Bellieni di Sassari si spinge nel territorio dell’antico “marchesato di Monte Maggiore” che fu feudo del famigerato duca dell’Asinara, Antonio Manca y Amat. A condurre i partecipanti in questo entusiasmante percorso, attraverso narrazioni, aneddoti e visite guidate, saranno Antonello Nasone, Stefano Alberto Tedde e Giuseppina Ruggiu. Per chi parte da Sassari, il luogo d’incontro è il parcheggio del centro Monserrat, in via Budapest, alle 9,30, mentre il raduno è previsto a Bessude alle 10, nello spiazzo della chiesa medievale di San Leonardo.

Alle 11 il gruppo andrà alla scoperta delle piccole perle architettoniche e dei murales di questo piccolo comune del Meilogu, che ha ospitato figure di spicco dei moti angioyani come il notaio Francesco Sotgiu Satta, l’ecclesiastico Salvador Roig, l’abate e poeta Francesco Carboni; mentre ha dato i natali al nobile don Diego Marongiu, allo studente di medicina Giovanni Maria Schintu e a diversi ardimentosi che si distinsero nell’insurrezione di Thiesi. Alle 12 si terrà una visita al centro museale MuMe , situato nella storica dimora “Sas Domos de sas Damas” che ospita la mostra fotografica “Chejas”. La mattinata si conclude con la visita, alle 12.45, della chiesa di San Martino, autentico scrigno di opere d’arte. Durante la pausa pranzo, la Pro loco presenterà una dimostrazione pratica sulla preparazione dei “ciciones”, i tradizionali gnocchetti bessudesi . Alle 15.30 il viaggio prosegue verso il centro storico di Cheremule dove sarà possibile visitare l’esterno della casa dove trascorse la sua infanzia Brancaleone Cugusi da Romana, che a Cheremule iniziò il suo percorso artistico nei primi del Novecento. Alle 16.30, alla necropoli di Museddu dove, tra le numerose domus è presente la tomba Branca che custodisce i celebri petroglifi incisi nella roccia. Per info e prenotazioni contattare lo 079230268 dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 o il 3662085483.

Daniela Deriu