Ambiente e cibo di qualità per creare posti di lavoro

Tula, Unione dei Comuni ed Enial formeranno esperti di turismo e “agrifood” Domani primo appuntamento del corso finanziato dalla Regione con fondi Ue

TULA. La vocazione turistica di un territorio passa obbligatoriamente per la presa di coscienza delle potenzialità che lo stesso offre non solo nell’ambito delle bellezze naturalistiche ma anche per le peculiarità gastronomiche o le filiere di qualità. Il Logudoro da tempo sta cercando di ritagliarsi uno spazio nell’offerta turistica della Sardegna, sostenuto anche da un enorme patrimonio di tradizione e cultura e a provare a dare impulso all’azione questa volta è l’Unione dei Comuni che insieme all’agenzia di formazione professionale Enial ha promosso a Tula, un tavolo partecipato sul progetto “Agriturs, Agrifood & Turismo sostenibile”. Il progetto, finanziato dalla Regione con fondi riferibili al programma operativo regionale fondo europeo per lo sviluppo, è stato presentato ad Ozieri in settimana e prevedeva come secondo passo l’apertura di quattro tavoli da svolgersi in altrettante località del territorio. Tula sarà la prima ad ospitare l’evento e lo farà domani sera presso l’auditorium comunale con inizio alle 17. Nell’ambito dell’appuntamento gli animatori per raccogliere le indicazioni sui bisogni formativi e professionali, incontreranno imprese, operatori del settore “agrifood”, l’agricoltura legata al prodotto alimentare, agriturismo, forestazione ed ancora giovani alla ricerca di occupazione e che intendano impegnarsi in un percorso di crescita. La finalità degli incontri sarà quella di organizzare quattro corsi formativi destinati a disoccupati o lavoratori autonomi o dipendenti del Logudoro per un successivo inserimento lavorativo o consolidamento delle competenze nel campo del turismo sostenibile, agrifood e filiere di qualità. Anche i corsi, così come i tavoli partecipati, si svolgeranno in quattro località diverse e per ora sono state individuate le figure professionali di riferimento che andranno ad incidere direttamente sui diversi settori apportando professionalità e formazione. In particolare i corsi saranno volti a preparare le figure di tecnico per la valorizzazione dei prodotti locali per gastronomia di qualità, addetto manutenzione aree boschive e forestali, operatore di ripresa e montaggio immagini e tecnico per la valorizzazione dell’attività agrituristica. «Ci piacerebbe che si presentino
al tavolo partecipato gli operatori di settore ma soprattutto i giovani per poter evidenziare i fabbisogni formativi – ha detto il sindaco di Tula Gino Satta - in questo modo potremo costruire la fase attuativa del progetto che sia la più vicina possibile alle esigenze del territorio».

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro