Pranzo medievale e Bastida di Sorres

All’Alberghiero si chiude un progetto in collaborazione con il Comune di Borutta

SASSARI. La Bastida di Sorres e un pranzo medievale. Sarà una giornata speciale, quella in programma domani dalle ore 10 all’Istituto Alberghiero dove – grazie a uno scambio culturale tra la scuola e il Comune di Borutta – i figuranti della Bastida di Sorres e i falconieri rievocheranno l’ambientazione e le vicende dell’antica cittadina fortificata, che nel ‘300 era un’influente sede vescovile. Alle ore 13.30 verrà allestito un pranzo a tema medioevale, i cui proventi saranno devoluti all’associazione fondata da Padre Morittu Mondo X Sardegna. «Il menù – spiegano i docenti – è frutto di un lavoro di ricostruzione storica condotto dalle classi coinvolte insieme ai loro docenti. Tra i piatti, la tradizionale “suppa cuada”, a base di brodo, pane raffermo e formaggio vaccino e pecorino». La manifestazione rappresenta la conclusione del progetto “Tra grano e zizzania”, in collaborazione con i licei Margherita di Castelvì e Marconi. Elaborato dalle docenti di religione Maria Grazia Soro, Maria Antonella Pinna, Sabrina Porcella, Emanuela Carrabs e Maria Vittoria Deledda. «Durante l’anno scolastico – dicono a scuola – gli studenti hanno intrapreso una ricerca storica sulle origini della Chiesa e, in particolare, sul periodo medioevale, facendo conoscenza, anche attraverso il linguaggio cinematografico, con figure carismatiche e icone della carità cristiana». Lo scambio culturale con il Comune di Borutta e san Pietro di Sorres ha avuto il suo momento culminante con la visita
degli studenti al monastero, guidati da don Gianni Pinna, nella basilica, nei laboratori di restauro del libro e in biblioteca. I soci della coop del Comune hanno invece guidato i ragazzi a visitare la grotta dei pipistrelli, il museo e i murales di Borutta.

Daniela Deriu

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro