Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Dal Canada alla scoperta del Logudoro

Un grosso tour operator di oltre oceano “studia” il territorio

OZIERI. Nei giorni scorsi nel Logudoro si è svolto un interessante incontro con un grande tour operator canadese che ha visitato il territorio ed Ozieri in particolare.

A farsi promotori dell’iniziativa sono stati i due consiglieri comunali ozieresi Pierangelo Fae che nella passata legislatura grazie alla delega al turismo aveva all’epoca allacciato relazioni con i canadesi e Maria Vittoria Pericu, impegnata costantemente nella promozione turistica attraverso il blog internazionale Flanieren in Sardegna.

I due sono stati affiancati anche da una parte del direttivo della rete di operatori dell’accoglienza e dell’agro-alimentare Rural Heritage – Tour and Food del Logudoro, Gli operatori stranieri sono stati favorevolmente stupiti dalla qualità dei prodotti, dalla varietà dei paesaggi e dalle ricchezze culturali tanto che pare ci siano buone prospettive per convogliare nel territorio gruppi di viaggiatori canadesi. La comitiva è stata attratta in modo particolare oltre che dal centro storico di Ozieri e dalle bellezze architettoniche anche dai coltelli e i violini di Pattada, dalle chiese romaniche di Bisarcio e di Nostra Signora del Regno ad Ardara, dal ponte romano di Pont’Ezzu e dai numerosi nuraghi e musei. Il percorso si è concluso con un laboratorio dimostrativo delle peculiarità gastronomiche tradizionali nelle aziende agricole Juncos Longos e Sa Tanca ‘e Muros Rujos e di quelle più sofisticate nei ristoranti Lo Chalet di Pattada e La Torre di Ozieri.

Francesco Squintu