In fiamme l’auto della moglie di un assessore

Valledoria, per i carabinieri l’origine dell’incendio della Mercedes della famiglia Muledda è doloso

VALLEDORIA. È di chiara origine dolosa l’incendio che la notte del 6 giugno ha completamente distrutto la Mercedes C in uso alla famiglia dell’assessore comunale al Turismo del Comune di Valledoria Gianni Muledda. L’auto ultimamente veniva utilizzata soprattutto dalla moglie. L’allarme è scattato intorno alle 3.30 e sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e i carabinieri della tenenza di Valledoria e della compagnia di Porto Torres.

L’auto è stata data alle fiamme mentre era parcheggiata davanti all’abitazione dove risiedono i coniugi Maguledda nella frazione di La Muddizza. I militari con la collaborazione dei vigili del fuoco hanno recuperato gli inneschi e altro materiale interessante per cercare di sviluppare le indagini. Tutti gli elementi raccolti sono già stati invati agli specialisti del Ris di Cagliari che stanno lavorando per isolare alcune impronte che potrebbe risultare determinanti per risalire agli autori dell’attentato incendiario.

Gli investigatori hanno sentito l’amministratore comunale e la moglie per capire se nell’ultimo periodo possano esserci stati episodi (con minacce o altro) che possano essere messi in relazione con l’attentato. La tendenza dei carabinieri sembra essere quella di escludere eventuali collegamenti con il ruolo di amministratore comunale svolto da Giani Muledda. Le indagini, comunque, procedono in più direzioni (si guarda anche all’attività imprenditoriale svolta dall’assessore) e gli investigatori hanno anche effettuato una serie di verifiche per accertare se qualche telecamera della zona abbia registrato le immagini dell’attentato (l’arrivo e la fuga degli incendiari).

«Ho saputo che si è trattato di un evento doloso – spiega il sindaco di Valledoria Paolo Spezziga – ma in questo momento preferisco non commentare, anche perché sono in corso le indagini dei carabinieri che non voglio assolutamente intralciare». «Condanno questo grave atto nei confronti della famiglia dell'assessore al Turismo Gianni Maguledda - dichiara il capogruppo di minoranza Ettore Puttolu – ho già espresso la mia solidarietà personale all’assessore. Ora attendiamo le indagini per capire». Solidarietà anche dal consigliere Andrea Pala. «Non siamo abituati a episodi del genere a Valledoria, anzi non ricordo
che finora si siano mai verificati».

Da evidenziare che qualche giorno prima era andato in fiamme il furgone dell’assessore comunale allo Sport Mario Serra. Ma in quel gli accertamenti tecnici dei vigili del fuoco avevano escluso l’origine dolosa delle fiamme. (g.f.)

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro