squadra mobile 

Ruba l’oro dell’amica e lo rivende

La donna è stata denunciata e la refurtiva restituita alla proprietaria

SASSARI. Ha approfittato di un momento di distrazione dell’amica che era andata a trovare nel suo appartamento nel centro della città e- con nonchalance - è riuscita a nascondere all’interno della sua borsetta diversi oggetti in oro e dopo aver salutata la padrona di casa ad allontanarsi indisturbata.

Pochi minuti dopo una 46enne sassarese si è presentata in un “Comproro” nel quartiere di Monte Rosello, ha venduto la refurtiva e si è allontanata con i 400 euro ricavati dalla vendita. La donna ha fatto però poca strada, perché l’amica, anche lei sassarese di 41 anni, resasi immediatamente conto del furto ha avvisato la polizia. Dopo aver escluso i familiari e le poche persone che avevano frequentato la sua casa negli ultimi giorni, la donna non ha avuto dubbi nel puntare il dito contro quella che fino a quel momento credeva un’amica. La donna era certa di aver lasciato una collana e due orecchini d’oro dentro una borsetta in camera da letto e soltanto l’amica che era andata a trovarla poteva averli portati via. Una volta ricevuta la denuncia gli investigatori della Mobile, guidati dal dirigente Dario Mongiovì, hanno passato al setaccio i “Comproro” della città, certi che la 46enne avrebbe cercato di rivendere immediatamente la refurtiva. C’è voluto poco per avere le prove che hanno incastrato la donna. Per legge i “Comproro” devono tenere in giacenza per alcuni giorni gli oggetti acquistati dai clienti, proprio per consentire alle forze del’ordine di recuperare - come è accaduto in questo caso - eventuali oggetti rubati. La collana e i due orecchini in oro sono saltati fuori in un “Comproro” che dista poche centinaia di metri dall’appartamento della vittima del furto. La 46enne si era recata nel negozio - hanno ricostruito gli investigatori - subito dopo aver salutato l’amica. Per la donna è
scattata una denuncia a piede libero per furto aggravato. Davanti all’evidenza non ha potuto che ammettere le proprie responsabilità. I gioielli sono stati restituiti alla proprietaria che incredula ha ringraziato gli investigatori della Mobile per l’ottimo lavoro. (l.f.)



TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro