Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Incidente in galleria identificato l’uomo che ha lasciato l’auto

Gli agenti della Polstrada stanno valutando la sua posizione In fuga dopo lo scontro avrebbe causato il secondo sinistro

SASSARI. La polizia stradale di Sassari ha avviato le indagini per accertare cause e responsabilità dell’incidente che venerdì sera ha paralizzato la viabilità tra le gallerie e la città (in direzione sud) e ha costretto alla chiusura di quel tratto della 131 per circa quattro ore. L’arteria, infatti, è stata riaperta solo dopo le 23,30 e il blocco era scattato pochi minuti dopo le 20.

Gli agenti guidati dal dirigente provinciale della Polstrada Inti Piras stanno valutando in modo particolare la posizione del conducente dell’auto protagonista del primo incidente, nella seconda galleria (in uscita da Sassari direzione Cagliari). L’auto, una Fiat Panda (cappottata per ragioni ancora in fase di accertamento) è intestata a una società, l’autista è stato identificato (un uomo del circondario) e nella serata di ieri la sua posizione veniva vagliata proprio per stabilire le responsabilità anche nel secondo incidente, nella prima galleria (sempre direzione sud). In questo secondo incidente sono rimaste coinvolte una Opel Astra, una Fiat 500X, una Bmw 320 e una Peugeot 207. Tre le persone ferite (fra i 30 e i 34 anni), soccorse dagli operatori del 118, due già dimesse e una ancora ricoverata al “Santissima Annunziata” di Sassari.

La polizia stradale, che ha operato insieme agli agenti della sezione volanti della questura e ai vigili del fuoco (impegnati a lungo per ripristinare le condizioni di sicurezza e scongiurare ulteriori rischi all’interno delle due gallerie) sta ricostruendo i dettagli dei due episodi, uno dipendente dall’altro. In particolare è sotto esame la posizione del conducente della Panda: quando gli operatori della prima pattuglia sono arrivati sul luogo dell’incidente, l’auto era cappottata e nessuna persona era presente sul posto. Sparito anche il conducente. Inutili le ricerche e i tentativi di contattarlo anche al proprio domicilio, non risultava neppure transitato in ospedale o negli ambulatori di Guardia medica per eventuali medicazioni. Se - come sembra - il secondo incidente è conseguenza del primo e in particolare della Panda abbandonata in mezzo alla strada, rischia conseguenze serie di carattere penale. (g.b.)