Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Sempre gravi le condizioni dei due bambini, sequestrati i due mezzi coinvolti

SASSARI. Restano gravi ma stazionarie le condizioni del bambino di 12 anni, sassarese, rimasto ferito nell’incidente che si è verificato sabato sera lungo la strada provinciale per Stintino, tra...

SASSARI. Restano gravi ma stazionarie le condizioni del bambino di 12 anni, sassarese, rimasto ferito nell’incidente che si è verificato sabato sera lungo la strada provinciale per Stintino, tra Pozzo San Nicola e Ezzi Mannu. Nel corso della notte i medici del “Santissima annunziata” lo hanno sottoposto a un delicato intervento chirurgico per l’asportazione della milza e per tamponare una emorragia interna. Critiche anche le condizioni dell’altro bambino che viaggiava a bordo della Fiat 600 condotta dalla mamma, anche lei ferita.

La 600 si è scontrata con un fuoristrada condotto da un maresciallo dei carabinieri (che procedeva verso Stintino, quindi in direzione contraria a quella dell’utilitaria) a seguito di una invasione di corsia.

Gli agenti della polizia stradale, guidati dal dirigente Inti Piras, hanno messo sotto sequestro i due mezzi che hanno riportato danni ingenti e stanno seguendo - in contatto con l’ospedale - le condizioni dei feriti. Da definire nel dettaglio le cause e le responsabilità del drammatico incidente che ha costretto la polizia a chiudere la strada provinciale per Stintino per quasi quattro ore.

L’incidente - secondo le prime testimonianze raccolte - sarebbe dovuto a una perdita di controllo con invasione di corsia: una valutazione che ora verrà completata con i rilievi tecnici (punto di impatto e perizie sui mezzi) per avere un quadro completo dell’accaduto. Nelle prossime ore la situazione dovrebbe essere definita, anche grazie alla versione fornita da alcuni testimoni oculari.

Il lavoro della Polstrada (sul posto sono intervenuti gli operatori del 118 con diverse ambulanze e i vigili del fuoco per garantire le misure di sicurezza) ha permesso di confermare che la Fiat 600 condotta dalla giovane mamma con i due bambini a bordo procedeva da Stintino verso Pozzo San Nicola, mentre il Suv guidato dal carabiniere (a bordo anche la moglie) andava nella direzione opposta.

L’incidente ha completamente paralizzato la viabilità, anche perché in quella fascia oraria (alle 20,30) il traffico era particolarmente intenso nei due sensi di marcia. Numerosi gli automobilisti diretti a Stintino dove era in programma “La sagra del Pescatore” e anche quelli che rientravano dal mare e quindi procedevano nel senso opposto. Per cercare di superare il tratto bloccato, diversi automobilisti si sono avventurati nelle strade sterrate che consentono di passare (per chi le conosce) da Fiume Santo a Ezzi Mannu. La provinciale è stata riaperta dopo le 23,30.