Auto d’epoca in gara lungo i tornanti di Scala di Giocca

Nel weekend il club Il Volante ripropone la mitica salita verso Osilo. La competizione sarà preceduta dal raduno dei partecipanti in piazza d’Italia

OSILO. Torna domenica 1 luglio, sui tornanti della vecchia Carlo Felice e sulle curve della Ss 127, il mito della Scala di Giocca-Osilo, “la più antica gara automobilistica in salita della Sardegna”, secondo gli organizzatori. Torna – come è ormai consuetudine da alcune decine di anni, da quando il club Il Volante ne ha proposto il recupero – secondo la formula della rievocazione storica, che quest’anno giunge alla 22a edizione, con una gara di regolarità che si preannuncia comunque spettacolare. Anche perché le protagoniste – oltre a piloti e navigatori in abbigliamento d’epoca – saranno sempre loro, le “vecchie signore” dell’automobilismo isolano, custodite e curate amorevolmente nel corso dell’anno dai loro proprietari, che nell’occasione si offrono agli sguardi ammirati dei tantissimi appassionati che ogni volta si danno appuntamento, soprattutto alla partenza a Sassari e all’arrivo a Osilo.

La gara, prevista per domenica 1, avrà un prologo sabato 30, quando dalle 15 alle 20, in piazza d’Italia a Sassari, si terrà il ritrovo dei partecipanti, la consegna delle schede di partecipazione e dei numeri di gara, e l’esposizione delle auto storiche. Domenica, il ritrovo delle auto è previsto sempre in Piazza d’Italia, però alle 8,30. Alle 9 si terrà l’incontro con le autorità, e subito dopo la partenza. Prima della gara vera e propria, che prenderà il via ai piedi di Scala di Giocca, è previsto un tour turistico-culturale che toccherà i comuni di Ossi, Muros, Codrongianos (Saccargia), Ploaghe. L’arrivo degli equipaggi a Osilo, in piazza San Valentino, è previsto per le 12. In programma una serie di eventi collaterali a sorpresa, fra cui l’elezione di “Miss Volante”. La Scala di Giocca-Osilo è nata nel 1924, per iniziativa della gloriosa “Sef Torres”, che passò poi il testimone al Gruppo rionale fascista “Aldo Solinas”. Successivamente, la gara venne presa in mano dall’Aci di Sassari, che ne curò l’organizzazione fino al 1955, riuscendo a collocarla per diversi anni ai vertici dell’automobilismo italiano. Fra i pionieri della gloriosa manifestazione, l’avvocato Gigi Castiglia su Om, Carlo Usai su Aurea Sport, Gianni Ardisson su Lancia Aprilia, Giovanni Pirisino su Fiat 1100, Battista Falchi su Lancia Aprilia. E poi ancora, Carmelo Cicotti, Enrico Manca, Piero Silvetti. Ma fra tutti, il vero motore dell’organizzazione è sempre stato il marchese Franco di Suni, che ha dedicato tutta la sua vita all’automobilismo sardo.
 

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro