Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Pozzomaggiore fa festa con l’Ardia di San Costantino

L'Ardia di San Costantino a Pozzomaggiore

Si comincia con la spericolata corsa equestre che verrà ripetuta anche sabato. Il concerto dei Tamurita concluderà la serata. Domenica finale con i canti sardi

POZZOMAGGIORE. Il paese si prepara per festeggiare degnamente San Costantino. Il Santo Imperatore che “la gente” ha eletto all’onore degli altari e nel bel centro logudorese è venerato con una devozione senza uguali.I festeggiamenti inizieranno oggi venerdì 6, alle diciotto, con la partenza delle bandiere dalla sede del comitato verso la Parrocchia, con l’accompagnamento della banda musicale “Citta' di Sennori” e dei fucilieri, il rilevamento del clero e proseguimento fino alla chiesa di San Costantino, situata sulla cima dell’omonima collinetta posta alla periferia del paese, nella direttrice per Cossoine. All’arrivo sarà celebrata una messa solenne in onore degli Obrieri defunti e inizieranno i Vespri solenni.

Al termine partirà la tradizionale e spettacolare Ardia intorno al Santuario. Alle 22 inizierà uno spettacolo di musica etnica con “Iskidos”.Sabato, alle 7, 8, 9 e 10 saranno celebrate le messe ed alle 10 è prevista la partenza delle bandiere dalla sede dell’obriere maggiore per la Parrocchia intitolata a San Giorgio, con l’accompagnamento dei fucilieri, il rilevamento del Clero per proseguire fino alla Chiesa di San Costantino dove sarà ripetuta la tradizionale Ardia intorno al Santuario.

Seguirà la processione con Il Simulacro dei Santi Costantino e la madre Elena, l’accompagnamento della banda musicale e dei fucilieri e, al rientro, sarà riproposta l’Ardia.Seguirà la consegna a tutti i cavalieri partecipanti di un significativo ricordo. Alle 18 un doveroso omaggio ai caduti in guerra nel monumento loro dedicato e la messa solenne con panegirico che sarà officiato da Don Mario Tanca, parroco di San Gavino di Porto Torres. Alle 22 è previsto il concerto dei “Tamurita” cui seguirà il Dj Sonik. Domenica , alle ventidue, inizieranno i canti sardi logudoresi, con Torangelo Salis, Emanuele Bazzoni, Daniele Giallara, alla Chitarra Bruno Maludrottu, alla fisarmonica Graziano Caddeo. La manifestazione terminerà con l’estrazione dei biglietti della lotteria.

Emidio Muroni