Area archeologica, il vento fa danni

Operai dell’Ales al lavoro per risolvere i problemi a Re Barbaro e alle terme

PORTO TORRES. Il forte vento che si è alzato nel pomeriggio di lunedì ha causato qualche danno anche nell’area archeologica. In area Re Barbaro un eucalipto è stato sradicato ed è crollato vicino alla passerella; in area Maetzke sono diversi i rami strappati dal vento e sparpagliati attorno alle vestigia romane; nella palazzina centrale di via Ponte Romano un pino è stato danneggiato. A ripristinare la sicurezza con la rimozione di alberi caduti e rami cadenti è stato il personale della Ales che anche stavolta è intervenuto prontamente. C'è da ricordare che già in passato il forte vento che spesso imperversa su Porto Torres ha procurato danni nell'area archeologica: da tempo si attende il ripristino della copertura che proteggeva gli splendidi mosaici e le strutture della domus dei mosaici marini, l'abitazione d'epoca romana i cui resti si possono ammirare non lontano dal ponte romano e dalle terme Pallottino. In ogni caso, per garantire un percorso dignitoso ai turisti che si dirigono verso l'area archeologica, servirebbe
almeno l'estirpazione delle erbacce cresciute come alberi, ricettacolo di parassiti, presso il vecchio passaggio a livello di via Ponte Romano, autentica discarica, oltre che provare a tappare qualcuna delle mille buche disseminate nell'asfalto.

Emanuele Fancellu

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro