Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Istituito il registro per il testamento biologico

PATTADA. Anche nel Comune di Pattada sarà possibile registrare il proprio testamento biologico. L’approvazione del registro delle dichiarazioni anticipate di trattamento sanitario (Dat) è stata...

PATTADA. Anche nel Comune di Pattada sarà possibile registrare il proprio testamento biologico. L’approvazione del registro delle dichiarazioni anticipate di trattamento sanitario (Dat) è stata votata all’unanimità, con grande interessamento anche da parte del gruppo di minoranza, durante il recente consiglio comunale. Il registro è attivo presso gli uffici comunali e rispetta, per legge, la riservatezza dei firmatari. «Per la nostra comunità – ha spiegato il sindaco Angelo Sini – è un passo avanti in termini di civiltà e rispetto della persona e della sua dignità fino agli ultimi giorni di vita». Il registro comunale non comporta spese ed è di semplice effettuazione: basta recarsi presso l’ufficio anagrafe con la propria dichiarazione dove si spiegano le proprie volontà. Il dichiarante potrà dunque dare il proprio consenso o il rifiuto rispetto ad accertamenti diagnostici o scelte terapeutiche e a singoli trattamenti sanitari. Il firmatario dovrà indicare una persona di sua fiducia che la rappresenti nelle relazioni con il medico e con le strutture sanitarie. Possono prendere visione delle informazioni contenute nel registro, il dichiarante, e se indicati dal dichiarante nell’atto dichiarazione sostitutiva di atto notorio, il medico di famiglia e i sanitari che avranno in cura il dichiarante, il fiduciario e il supplente del fiduciario, e, se espressamente individuati, gli eredi del dichiarante. Le Dat devono essere consegnate personalmente dal disponente e sono modificabili e revocabili in qualsiasi momento. Inoltre, il trasferimento della residenza in altro Comune o all’estero non comporta la cancellazione dal registro. (el.cor.)