Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Una sala del Centro sociale sarà intitolata a Filippo Canu

SILIGO. Il Comune vuole rendere omaggio a una delle figure più importanti del paese. E così, dopo Maria Carta, l’amministrazione municipale ha deciso di intitolare la sala delle riunioni del Centro...

SILIGO. Il Comune vuole rendere omaggio a una delle figure più importanti del paese. E così, dopo Maria Carta, l’amministrazione municipale ha deciso di intitolare la sala delle riunioni del Centro di aggregazione sociale a Filippo Canu, pittore e scultore, che ha operato a lungo non solo a Siligo ma in diverse capitali europee.

La cerimonia di intitolazione si terrà domani alle 17 nel Centro di aggregazione sociale, in piazza Maria Carta. A seguire si terrà la premiazione della estemporanea di pittura “Siligo, scorci di cultura”.

E per illustrare la figura di Filippo Canu, nella locandina è raccontato (con parole dello stesso pittore-scultore) l’inizio della sua avventura artistica. «Una volta alle elementari fui punito e messo dietro la lavagna. Per vincere la noia disegnai un bellissimo paesaggio graffiando il muro con un chiodo. Invece della punizione ebbi un elogio. Avevo sei anni e la passione per il disegno non l’ho mai più abbandonata».