Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Arrivano 70 milioni di euro per la rete metropolitana del Nord Sardegna

La riunione per la rete metropolitana

Otto comuni, con Sassari in testa, coinvolti nel progetto della Regione

CAGLIARI. Pioggia di milioni e progetti per la Rete metropolitana del nord Sardegna. A settembre la Regione e gli otto Comuni che ne fanno parte chiuderanno la fase istruttoria per 86 progetti che la Giunta Pigliaru finanzierà con una convenzione attraverso cui saranno messi a disposizione del nordovest dell'isola 70 milioni di euro.

Dei progetti già predisposti da Sassari, Alghero, Porto Torres, Castelsardo, Sennori, Sorso, Stintino e Valledoria hanno discusso nell'incontro di oggi 30 luglio a Sassari, nella sala consiliare di palazzo Ducale, i sindaci della Rete metropolitana, il presidente della Regione Francesco Pigliaru, gli assessori regionali Raffaele Paci, Maria Grazia Piras e Donatella Spano, i sindacati confederali di Cgil, Cisl e Uil e i rappresentanti delle associazioni di categoria.

Si va dall'ambiente alla cultura, dalla mobilità sostenibile e accessoria alla qualità della vita e alla competitività del sistema delle imprese. «Il processo di negoziazione è in una fase matura», ha detto il sindaco Nicola Sanna. «La rete ha bisogno di un forte aiuto in termini di governance e di uno strappo alla regola per la gestione, il monitoraggio e la rendicontazione, ma ha anche bisogno di risorse umane per funzionare in maniera efficiente».

«In settembre ultimeremo la definizione degli interventi e organizzeremo le riunioni interassessoriali con i rappresentanti del territorio per arrivare alla delibera finale di giunta e all'affidamento in convenzione», ha annunciato Paci.

«Vogliamo conoscere i contenuti dei progetti elaborati dal territorio, che sono la strada più adatta per lo sviluppo locale e per sbloccare le incompiute», ha aggiunto Pigliaru. «I progetti sulla rete museale, sulla mobilità sostenibile e sull'innovazione digitale sono importanti e devono avere applicazione anche nelle attività tradizionali, come l'agricoltura»