Fumata grigia per il servizio idrico all’Asinara

Sean Wheeler: «Quello con Egas e Regione è stato un incontro utile con un dialogo costruttivo»

SASSARI. «Alla fine di questa riunione constatiamo che, forse per la prima volta, abbiamo partecipato a un incontro utile, con un dialogo costruttivo e con delle proposte effettive che spero portino a una definitiva soluzione per la gestione del sistema idrico dell'Asinara». Così il sindaco di Porto Torres al termine dell’incontro con Regione ed Egas, convocato per dotare l’isola di un efficace servizio idrico. Un incontro al quale non erano stati invitati Abbanoa e l’Ente Parco «perché quella lettera di convocazione era solo “per conoscenza”», ha commentato amaramente il vice presidente del Parco Antonio Diana.

Un incontro se non proprio positivo (non è stata presa alcuna decisione operativa) quantomeno efficace e che, soprattutto ha fatto registrare un cambiamento di clima. Ovviamente il Comune di Porto Torres non rcede di un millimetro sulle richieste fatte da anni. «Come Comune abbiamo ribadito la nostra richiesta, cioè che l'Asinara venga presa in carico da Abbanoa – ha ribadito il sindaco di Porto Torres Sean Wheeler – . Ragionando sia con i vertici di Egas, sia con la Regione, abbiamo stabilito di stipulare un accordo che preveda impegni e un preciso crono-programma per ogni ente. Ci auguriamo che i patti vengano rispettati e che Abbanoa, con il nuovo amministratore, e anche Egas, siano diventati sensibili al tema».

Ma l’assenza dell’Ente Parco non è passata inosservata e Wheeler ha voluto sottolineare l’importanza della collaborazione con tutti gli enti coinvolti nella gestione dell’isola. «Siamo pronti a ragionare sull’accordo, ribadendo che questo venga condiviso anche con gli altri enti che operano attivamente sull'isola, cioè il Parco nazionale e la Conservatoria. Il mio augurio – è la comclusione di Sean Wheeler – è che la strada intrapresa sia quella corretta e si arrivi alla positiva conclusione di questa vicenda».

«Sono felice delle parole del sindaco di Porto Torres – ha commentato Antonio Diana, che oltre a essere ai vertici del Parco è anche sindaco di Stintino –. Credo che con la collaborazione
fra Parco e Comune di Porto Torres i problemi si possano risolvere facilmente. Non capisco invece l’esclusione di ieri, il Parco ha sempre avuto un atteggiamento propositivo. Oggi, invece, Egas ci ha esclusi. Ne prendiamo atto. O forse siamo scomodi». (p.s.)



TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro