Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

A Ploaghe ritorna “SardignAeras”

Domani in piazza il festival di canti e suoni promosso da Su Coro de Piaghe

PLOAGHE. Domani alle 22 in piazza Convento, ritorna a Ploaghe SardignAeras il festival di canti e suoni promosso da Su Coro de Piaghe che diventa ogni anno più interessante e per questo registra un grande apprezzamento da parte del pubblico.

Il festival in effetti offre una formula diversa dalle tante manifestazioni che si tengono nella nostra isola, una formula che la sta facendo diventare forse unica nella sua concezione. «La strada intrapresa è quella di offrire un numero per ogni genere di esibizione – spiega il direttore artistico Piero Concu – e i generi che abbiamo a disposizione sono tanti, grazie alle molteplici attitudini musicali proprie del popolo sardo. Si va dal canto polivocale maschile a quello femminile e al polifonico misto, dal canto a tenores a quello a cuncordu, e ognuno con la propria specificità territoriale, dal canto a chitarra al pop in limba alla world music, percorrendo strade sperimentali più o meno azzardate, a volte riuscite, a volte da abbandonare. Mondo parallelo, ma avvolgente, è la riscoperta di strumenti musicali etnici, nel senso proprio della parola, ed il loro utilizzo nella creazione di sonorità moderne e strumenti musicali moderni che ricercano sonorità antiche, quasi a creare un cerchio nel quale non si intravede la congiunzione. Ebbene, l'obiettivo di queste rappresentazioni è proprio quello di far conoscere, per quanto sarà possibile nel corso delle varie edizioni, le produzioni più interessanti, quelle che più riescono a comunicare la profondità del messaggio delle nostre tradizioni».

Su Coro de Piaghe che come ogni anno farà gli onori di casa introdurrà con i suoi brani gli ospiti di questa edizione che saranno il cantautore Mariano Melis ideatore del recente progetto “Freemmos”, il Coro di Tempio, composto da Marco Muntoni, Luigino Cossu, Gabriele Farina e Pietro Oggiano, la grandissima Anna Maria Puggioni, la celebre e indimenticata voce del “Duo Puggion”, il trio Armonias, composto da Luigino Cossu, Giovanni Puggioni e Pinuccio Cossu, la Corale Vivaldi & Joyful Soul e infine gli intramontabili e sempre bravissimi Bertas. La serata sarà presentata come sempre da Tonino Sanna. L’evento rientra nel ricco programma “I Candelieri ed il ferragosto ploaghese” giunto alla 33’ edizione.

Mauro Tedde