Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

A Thiesi una gara fa rifiorire il centro

Grande successo del concorso organizzato dall’amministrazione comunale

THIESI. Grande partecipazione in paese per la prima edizione del concorso "Thiesi in Fiore". Ad aggiudicarsi il primo premio è stata la pensionata Francesca Piredda. La nuova iniziativa proposta dall’amministrazione comunale ha visto il paese abbellito e valorizzato con fiori colorati esposti sui balconi, nelle finestre o negli spazi pubblici. «Gli obiettivi del concorso sono stati raggiunti in quanto diversi scorci del paese appaiono oggi gradevoli e ospitali grazie all'effetto cromatico ed estetico creato dai fiori – dice l'assessora Gavina Tola». L’amministrazione ha premiato i primi quattro classificati con buoni spesa per l'acquisto di fiori presso le ditte florovivaistiche che hanno aderito all'iniziativa. «Sono veramente contento della risposta e dell’entusiasmo dei cittadini dai quali sono arrivate anche delle ottime proposte e suggerimenti che accoglieremo nei prossimi bandi e faranno di questo evento uno dei punti di forza dell'attività amministrativa – ha dichiarato Gianfranco Soletta, sindaco di Thiesi».

La commissione giudicatrice ha conferito il primo premio a Francesca Piredda, il secondo a Nino Porqueddu, il terzo a Marina Tanca e il quarto a Franca Cocco. Menzione d’onore a Luigi Chessa per aver curato lo spazio pubblico adiacente alla Chiesa di San Sebastiano. «Spesso basta una piccola cosa come un balcone fiorito per migliorare l'aspetto di un paese, immaginiamo come diventerebbe accogliente Thiesi se tutti ci impegnassimo a curare con piccoli gesti l'esterno delle nostre abitazioni – conclude il sindaco – . L’obiettivo di questo concorso è stato proprio quello di riconoscere il merito di chi già lo fa e incentivare tutti i cittadini a fare altrettanto».

Daniela Deriu