Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Ferragosto “rovinato” da liquami e cumuli di rifiuti

PORTO TORRES. Anche quest’anno il Ferragosto è stato vissuto tra i rifiuti traboccanti delle isole ecologiche per residenti, visitatori e turisti che transitavano nel centro storico di Porto Torres....

PORTO TORRES. Anche quest’anno il Ferragosto è stato vissuto tra i rifiuti traboccanti delle isole ecologiche per residenti, visitatori e turisti che transitavano nel centro storico di Porto Torres. Cani, gatti e piccioni hanno fatto scempio della spazzatura abbandonata davanti ai bidoni di piazza Marinaru – e non era certo un bello spettacolo da vedere considerato che a fianco c’è anche uno degli ingressi del palazzo del Marchese, sede di rappresentanza del Comune. Eppure l’amministrazione municipale aveva garantito che gli operatori ecologici avrebbero provveduto al ritiro dei rifiuti nelle isole riservate ai commercianti, in occasione delle festività. Il servizio si è svolto regolarmente solo ieri mattina. Una situazione cje ha scatenato i consiglieri comunali di opposizione. «Oramai il degrado e la mancanza totale di decoro – dice il consigliere Pd Massimo Cossu – sono divenuti l’emblema di questa città e di questa amministrazione». Per il consigliere Davide Tellini la città sporca che puzza è la fotografia di tutti i fine settimana estivi: «L’apice nel giorno di Ferragosto, dove, nonostante le promesse, i rifiuti sono rimasti abbandonati per strada sotto un sole cocente per oltre 24 ore e con liquami che sgorgavano i sulla strada». Nonostante le risorse economiche in capo alla polizia municipale, dove il sindaco è il responsabile in organigramma, non è stato dato alcun input politico per poter programmare una efficace azione di prevenzione e repressione. Una bacchettata arriva anche dal consigliere Claudio Piras: «Solo degli incoscienti possono lasciare ridurre così una città nelle giornate di massima affluenza turistica: chi ha ricoperto l’incarico assessoriale in questi tre anni si è dimostrata incapace e ha umiliato tanti cittadini lasciandoli sommersi dai rifiuti». (g.m.)