Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Palio de sas carrelas a Bono otto rioni in gara sui purosangue

BONO. Cavalli in pista anche a Bono sabato 18 agosto. In programma c'è il Palio de sas carrelas, un evento che risale a tanti anni fa e che nel 2016 è stato rispolverato e valorizzato dall’attivissim...

BONO. Cavalli in pista anche a Bono sabato 18 agosto. In programma c'è il Palio de sas carrelas, un evento che risale a tanti anni fa e che nel 2016 è stato rispolverato e valorizzato dall’attivissimo Gruppo Ippico Bonese. La manifestazione si terrà dalle 17 nel galoppatoio comunale di ''Sas ischinas'', a valle dell’abitato. Un ora prima, alle 16, cavalli e fantini si ritroveranno in piazza Gramsci per la benedizione dei destrieri che dovranno essere esclusivamente di puro sangue arabo o inglese. In gara ci saranno gli otto rioni storici del paese ciascuno con i colori della contrada di appartenenza. Questi i rioni storici chiamati a contendersi l’edizione 2018: Budullau, Quarteri, Adda e Riu, Santa Caterina, Cabidamurru, Bonaria, Santu Remundu e Currempalu. Dopo la benedizione in corteo si raggiungerà il galoppatoio comunale dove ad attenderlo troverà tanti appassionati e il pubblico delle grandi occasioni. Nelle ultime edizioni il paese ha risposto con grande entusiasmo al rilancio del palio. Tutti hanno collaborato con gli organizzatori dell’evento. La realizzazione del Palio è stata possibile anche grazie al patrocinio dell'amministrazione comunale di Bono guidata dal sindaco Elio Mulas, della Regione, del Banco di Sardegna e al supporto di numerose attività commerciali. In gara ci saranno abili fantini anche perchè il montepremi è allettante: al primo classificato andranno settemila euro. Per l'occasione i rioni storici del paese vengono addobbati con i colori delle carrelas, nelle quali si potranno gustare i prodotti tipici del paese.

Tore Cossu