Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Anche a Tula nasce un comitato cittadino per la zona franca

TULA. Conta già alcune centinaia di adesioni il comitato cittadino “Pro Zona Franca” di Tula, nato qualche mese fa con l’intento di sensibilizzare i cittadini e gli amministratori locali sul tema...

TULA. Conta già alcune centinaia di adesioni il comitato cittadino “Pro Zona Franca” di Tula, nato qualche mese fa con l’intento di sensibilizzare i cittadini e gli amministratori locali sul tema dell’istituzione della Zona Franca tramite azioni dirette dei Comuni.

Un’azione che già alcuni Comuni sardi (Quartu, Giave, Sarroch e Domusnovas, che ha già portato a termine l’iter) hanno intrapreso e che il comitato, presieduto dall’ex consigliere comunale Claudio Meloni, intende promuovere anche a Tula e in altre parti del territorio.

«Attualmente però le prospettive non sono buone - dice Meloni - perché nei due incontri già svoltisi con il primo cittadino e con qualche amministratore abbiamo rilevato negli amministratori la mancanza di conoscenza della materia e constatato l’assenza proprio dei due assessori che nella passata legislatura (quando erano espressione della minoranza) furono baldanzosi firmatari proponenti della mozione che portò all’approvazione, unanime, della delibera 14 del 22 aprile con la quale si istituì la Zona Franca nel Comune di Tula. Ebbene, al pari della Regione, alla data odierna il Comune di Tula non ha ancora dato risposte in merito».

Il comitato cittadino però non molla, e prosegue la sua campagna di sensibilizzazione, mettendosi anche a disposizione dei cittadini di altri Comuni per «guidarli nella redazione degli atti e la prosecuzione dell’apposito iter» (info 340 5097963). «Siamo consci - dice Meloni - che su questa battaglia, che è “di tutti i Sardi”, sono ancora pochi i cittadini che hanno preso posizione. Il nostro consiglio è che in ogni comune si faccia nascere un comitato cittadino dedicato per il raggiungimento di questo diritto negatoci ormai da 70 anni». (b.m.)