Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Il “Rinascita” trasferito in cantiere

Al via le indagini della Capitaneria per accertare le cause dell’affondamento

PORTO TORRES. Il peschereccio “Rinascita” è stato rimorchiato ieri mattina da due motopesca che lo hanno condotto in sicurezza nel cantiere Marina Service. Dopo la ripresa delle operazioni di recupero mediante l’impiego di una gru più potente - di proprietà della ditta Cermelli – l’unità è infatti stata rimessa in galleggiamento e trasferita nel bacino di carenaggio. Nessun problema ambientale nello specchio acqueo di fronte alla testata della banchina Segni, comunque, grazie al posizionamento di panne galleggianti al fine di scongiurare la fuoriuscita dei 2000 litri di carburante presente a bordo. Le operazioni di recupero si erano rivelate complicate per il peso del peschereccio, completamente allagato, e per la presenza del carburante a bordo. Il comandante della Capitaneria di porto si è detto soddisfatto dell’attività di recupero che si è conclusa con successo, e conferma che sul peschereccio, una volta a secco, si provvederà ad eseguire una verifica nell’ambito dell’attività di inchiesta già avviata e finalizzata a individuare le cause dell’affondamento. (g.m.)