Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Sempre grave la donna rimasta ferita a Genova

Il marito (sassarese) è morto nell’incendio divampato in casa mentre crollava il ponte Morandi

SASSARI. Sono sempre gravissime le condizioni di Angela Fiori, la 75enne originaria del Cagliaritano e moglie del sassarese Giovanni Sanna, l’uomo di 80 anni morto nell’incendio divampato nella loro casa di Genova proprio negli stessi istanti in cui crollava il ponte Morandi. Un evento scollegato dalla tragedia del ponte – come ha accertato la Procura della Repubblica di Genova – ma che per una incredibile coincidenza si è consumato negli stessi minuti.

Giovanni Sanna è morto nell’incendio mentre sua moglie Angela è rimasta ferita gravemente e si trova ancora ricoverata all’ospedale Galliera di Genova in condizioni disperate. In un primo momento si era pensato che il rogo divampato nell’abitazione di via Certosa potesse avere un qualche legame con il crollo del ponte perché il nome della donna figurava nell’elenco dei feriti arrivati in ospedale dopo il disastro. In realtà era stata solo una coincidenza temporale, avvalorata anche dal fatto che la casa dei coniugi sardi (genovesi di adozione) si trova a breve distanza – circa150 metri in linea d’aria dal ponte Morandi – e quindi facilmente inseribile nello stesso contesto. Per alcuni giorni la storia è rimasta così, fino a quando Angela Fiori non è stata identificata e sono stati chiariti meglio i contorni della vicenda nella quale la donna è rimasta coinvolta insieme al marito.

La mattina del 14 agosto, Giovanni Sanna e Angela Fiori erano nella loro casa, mentre preparavano il pranzo fuori si è scatenato l’inferno per via di un fortissimo temporale. Nel piccolo appartamento all’improvviso è scoppiato un incendio, forse a causa di un fulmine (questa l’ipotesi più probabile) che si sarebbe propagato attraverso l’impianto di condizionamento. Le fiamme si sono sviluppate rapidamente, proprio mentre a meno di 200 metri di distanza veniva giù il ponte Morandi. A dare l’allarme erano stati alcuni vicini che avevano notato il fumo uscire dalle finestre. Quando i soccorritori sono arrivati sul posto per Giovanni Sanna non c’era più niente da fare: l’80enne sassarese è deceduto probabilmente soffocato mentre cercava di portare aiuto alla moglie. Angela Fiori invece è stata trovata in condizioni gravissime e accompagnata a bordo di una ambulanza all’ospedale Galliera dove è ancora ricoverata in prognosi riservata.