Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Il paese in festa per don Massidda

Celebrati i 25 anni di sacerdozio dell’attuale parroco di Esporlatu 

ITTIREDDU. La chiesa di Nostra Signora de Intermontes gremita come 25 anni fa, illuminata dalle luci che riflettevano dalle vetrate colorate, ha ospitato martedì sera la celebrazione eucaristica in onore del 25esimo anno di sacerdozio di don Tonino Massidda, di Ittireddu, sacerdote del 1962 attualmente parroco di Esporlatu. Le due comunità si sono riunite a Ittireddu per festeggiare il sacerdote e l’uomo, che ha concelebrato la messa con il parroco monsignor Tonino Cabizzosu e il vescovo emerito Giovanni Dettori. Un breve saluto è stato portato anche dal vescovo Corrado Melis, che non ha voluto mancare l’appuntamento e ha rivolto a don Tonino parole di elogio e di augurio per tanti altri anni di opera sacerdotale. La suggestiva celebrazione eucaristica, animata dai canti del coro Santu Jagu, è stata occasione per don Tonino di ringraziare i suoi compaesani e tutti i fedeli delle parrocchie da lui rette in questi 25 anni - Benetutti, Bono, Illorai e ora Esporlatu - e rivolgere loro parole di speranza, frutto della sua stessa esperienza di vita. «E’ necessario e doveroso - ha detto don Tonino - combattere con cuore e anima le avversità della vita, anche quando le avversità ci stringono tra le loro maglie». Dopo la messa, accompagnati dal festante suono delle campane uditosi in tutto i paese, tutti i presenti si sono riuniti per un allegro rinfresco preparato dai Fedales del ’62, coetanei di don Massidda, e dalle società religiose. (b.m.)